menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Banda ultralarga: Tim annuncia un impegno ulteriore da 18 milioni di euro

Faccia a faccia lunedì tra il sindaco Brugnaro e il presidente della società, Giuseppe Recchi. Nel pomeriggio workshop al Vega per capire come sfruttare le nuove potenzialità

Nel giorno in cui Confindustria e Camera di commercio hanno organizzato un workshop al Vega dal titolo "Banda ultra larga in arrivo, ma per farne cosa?", il sindaco di Venezia, Luigi Brugnaro, ha incontrato il presidente di Telecom Italia, Giuseppe Recchi. Segno che qualcosa si sta muovendo sul fronte della connettività (e quindi della competitività delle imprese sul panorama nazionale e internazionale). Il faccia a faccia tra Brugnaro e Recchi lunedì mattina a Ca' Farsetti. Al centro del colloquio tra i due, secondo una nota del Comune, la realizzazione in territorio veneziano, da parte di Tim, della nuova rete a banda ultralarga per la quale l’azienda ha programmato un ulteriore investimento di oltre 18 milioni di euro, che si vanno ad aggiungere ai 10 milioni già stanziati per i precedenti programmi di ammodernamento delle infrastrutture.

"Venezia è tra le prime città italiane del piano nazionale di cablaggio in tecnologia Ftth (cioè con la fibra ottica fino alle abitazioni) con cui Tim prevede di raggiungere oltre 3,5 milioni di unità immobiliari nell’arco di tre anni - si legge nella nota - L’obiettivo è offrire ai veneziani collegamenti super-veloci da 300 fino a 1.000 megabit al secondo". I lavori sono già iniziati in quattro delle sei municipalità del Comune: Chirignago-Zelarino, Favaro Veneto, Marghera e Mestre-Carpenedo.

Nel pomeriggio, invece, al Vega, tra le altre tematiche sono state spiegate ai presenti le caratteristiche del progetto Enel Open Fiber, che venne annunciato durante una conferenza stampa con il presidente del Consiglio, Matteo Renzi. Il piano prevede l’inizio dei lavori  che entro settembre 2017 siano circa il 50% le unità immobiliari raggiunte dal cablaggio, e che, entro metà 2018, lo siano circa l'80% per un totale di circa 120 mila unità cablate. La fibra ottica verrà portata fino a casa dei clienti in modalità Fiber to the Home (FTTH) in grado di supportare velocità di trasmissione a 1 Gbps sia in download che in upload.


Nel contempo, il Comune, tramite la sua società Venis, sta continuando a implementare l’infrastruttura in fibra ottica cittadina e, nell’ambito dell’accordo quadro per lo sviluppo della banda ultra larga sul territorio nazionale approvato dalla Conferenza Stato-Regioni, sarà portata la connettività anche nelle aree a fallimento di mercato. Presto, a iniziare dal 2018 e completamente dal 2020, anche tutte le imprese veneziane potranno viaggiare a oltre 100Mbps.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Attualità

L'isola di Santa Maria delle Grazie può uscire dall'abbandono

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento