rotate-mobile
Cronaca Santa Croce / Piazzale Roma

Lavori piazzale Roma, "rivoluzione" imbarcaderi: disagi e lunghe code

A luglio i lavori per il terminal acqueo, intanto gli approdi delle varie linee sono stati trasferiti. Con il cantiere del tram arrivano puntuali i problemi

Ancora lavori e disagi a piazzale Roma. In concomitanza con i lavori che porteranno il tram di Mestre fino al terminal veneziano, e che stanno già causando diversi problemi a veneziani e pendolari, da poco più di una settimana è iniziato anche l'intervento sugli imbarcaderi Actv, che intanto sono stati spostati dalle loro posizioni originarie per permettere i lavori.

LAVORI A SAN GIULIANO: LE VARIAZIONI DEI BUS ACTV

GIORNI DIFFICILI – Secondo l'assessore alla Mobilità Ugo Bergamo si tratta di lavori inevitabili in quanto, come riporta la Nuova Venezia, la riva era ormai prossima al collasso, con il primo crollo già avvenuto davanti alla rampa Parisi. L'obiettivo è quello di avere per la prossima primavera tutto pronto e rinnovato, dal tram agli imbarcaderi, ma intanto si rischia una brutta concentrazione di disagi: San Giuliano resta chiuso, le corsie per le auto in piazzale sono state ridotte da tre a due e i terminal Actv ora sono disseminati per tutta l'area del piazzale. Con l'arrivo, nei prossimi mesi, delle grandi comitive di turisti estivi si rischiano code e blocchi in tutta la zona.

IL TRAM A PIAZZALE ROMA: DISAGI E CAOS

INIZIANO I LAVORI: ECCO COSA SUCCEDERA'

GLI IMBARCADERI – I pontili dei vaporetti, intanto, sono stati spostati. La linea 2 diretta da piazzale Roma a Rialto ora parte dall’imbarcadero Parisi, di fronte alla Coop. La linea 1 invece è provvisoriamente nel pontile di angolo del canale della Scomenzera. Da lì parte anche il famoso Vaporetto dell'Arte. Le due linee circolari, la 4.1-4.2 e la 5.1-5.2, sono ora a cinque minuti a piedi da piazzale Roma, e per arrivarci è necessario attraversare un sottopasso che al tramonto attira spesso qualche balordo. Dal 9 luglio cominceranno i lavori per il nuovo terminal acqueo, dotato di tornelli e che dovrebbe predisporre aree più ampie di imbarco, allungandosi verso il centro del canale. Intanto però pendolari e cittadini, con i minuti contati per arrivare in ufficio o con le borse della spesa, registrano già i primi disagi. E anche i piloti Actv confermano al quotidiano locale la difficoltà delle manovre, tra taxi e mezzi privati. Proprio le concessioni dei taxi sono le uniche a non essere state toccate ma, spiega Bergamo, sarebbe inutile provarci in quanto il primo ricorso al Tar, secondo l'assessore, sarebbe a favore dei motoscafisti e quindi si monterebbe un costoso caso per nulla. Meglio invece aspettare che i lavori proseguano: a quel punto i taxi dovranno progressivamente spostarsi sull'altra riva del canale.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lavori piazzale Roma, "rivoluzione" imbarcaderi: disagi e lunghe code

VeneziaToday è in caricamento