rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022

La gru "aggredisce" il fondale della laguna, iniziati i lavori sotto il ponte della Libertà VD

Sono finalmente iniziati gli scavi per liberare cinque archi del Ponte della Libertà ostruiti dai detriti. Venerdì una gru ha iniziato ad "aggredire" il fondale, dopo che il provveditore alle Opere pubbliche, Roberto Linetti, aveva confermato che l'inizio dei lavori era imminente. Nel mirino i cumuli di conchiglie e incrostazioni che bloccano il normale deflusso della marea rischiando di far morire la laguna di fronte a punta San Giuliano

Manifestazioni e analisi 

E' proprio per questo motivo che le Remiere nei mesi scorsi hanno organizzato alcune manifestazioni, compreso il corteo acqueo sul Canale di San Secondo. "Su tre archi invece stanno lavorando le Ferrovie dello Stato - spiega Paolo Cuman, rappresentante delle remiere - questo è solo il primo intervento che tende a ripristinare lo stato dei fondali. Serve anche che sia rimosso l'enorme strato di alghe che marcisce sul fondo della zona di secca, serve che vengano imposti limiti alla velocità sul Canale di Tessera, dove un moto ondoso assolutamente fuori controllo smuove tonnellate di fango che vanno a interrare la laguna. Serve - conclude - un monitoraggio continuo per evitare che questa laguna scompaia". 

Sullo stesso argomento

Video popolari

La gru "aggredisce" il fondale della laguna, iniziati i lavori sotto il ponte della Libertà VD

VeneziaToday è in caricamento