Cronaca Santa Croce / Piazzale Roma

Lavori per il tram, Adico dice no a nuovi autovelox e limiti di velocità

Il presidente dell'associazione, Carlo Garofolini, esprime le sue preoccupazioni riguardo alla viabilità cittadina e ai piani di Ca' Farsetti

Sono iniziati lunedì 6 maggio i lavori a piazzale Roma per il tram, mentre da mercoledì 8 maggio si avvia anche il cantiere per installare le rotaie sul cavalcavia di San Giuliano. “Due fronti troppo 'caldi' e strategici perché non si creino disagi, soprattutto a ridosso dell'inizio della stagione estiva – commenta il presidente di Adico Associazione Difesa Consumatori, Carlo Garofolini – temiamo che lo sforzo di Comune e Pmv di diluire l'intervento nel tempo e di concentrarlo nelle ore notturne non sarà comunque sufficiente. Ci diamo appuntamento in particolare tra un paio di settimane, quando, stando al programma dei lavori, l'intervento a piazzale Roma inizierà a toccare la carreggiata, e quindi direttamente la circolazione. Se piazzale Roma si congestiona, la reazione a catena sulla viabilità è inevitabile”.

LAVORI A PIAZZALE ROMA E SAN GIULIANO

LIMITI E DIVIETI - Adico spera che il Comune di Venezia “non si inventi nuovi autovelox o altri divieti ai limiti dell'assurdo, come avvenuto sul ponte della Libertà in concomitanza con i lavori del tram – continua Garofolini – abbiamo purtroppo visto in quella e in altre occasioni come troppo spesso Ca' Farsetti non abbia saputo far altro che introdurre nuovi strumenti di limitazione della velocità e della circolazione. In questo caso speriamo che a piazzale Roma e a San Giuliano ci siano molti vigili e che l'informazione ai cittadini siano un flusso costante e capillare”.

DEVIAZIONI ALLE LINEE AUTOBUS: ECCO LA MAPPA

A VENEZIA - I timori di Adico si concentrano naturalmente sui pendolari, gli studenti e i lavoratori, considerando anche l'imminente partenza della Biennale a fine maggio, con il primo boom di arrivi della stagione. “Dare un'alternativa reale all'autobus per chi si sposta tra Mestre e Venezia è diventata negli anni una vera e propria priorità: uno sciopero, un incidente, un'auto in panne e il ponte della Libertà si blocca, paralizzando un intero comune – ricorda Garofolini – per questo siamo assolutamente favorevoli all'arrivo del tram a Venezia, e anzi ci lascia perplessi che la ragione alla base della sua adozione arrivi come ultima fase, dopo anni di disagi che renderanno di certo meno festosa l'accoglienza del tram a piazzale Roma”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Lavori per il tram, Adico dice no a nuovi autovelox e limiti di velocità

VeneziaToday è in caricamento