Lunedì, 17 Maggio 2021
Cronaca

Carabinieri nei cantieri edili del Veneziano: 5 lavoratori in nero e 7 aziende irregolari

Ispezioni sabato in 8 imprese, esaminate 21 posizioni lavorative, sanzioni per 11 mila euro, riscontrate 16 prescrizioni in materia di salute e sicurezza per un ammontare di ammende di 100 mila euro

Foto: un cantiere edile a Noale

Cinque lavoratori “in nero” e 7 aziende su 8 irregolari per violazione delle norme sulla sicurezza luoghi di lavoro. Sono i risultati dei controlli di sabato dei carabinieri del comando provinciale e del gruppo tutela lavoro in alcuni cantieri edili del Veneziano, a Mirano, Noale e Scorzè. 

Mirano

Nel comune di Mirano sono state controllate due ditte, in cui una venivano sorpresi 2 lavoratori in nero e applicato il provvedimento amministrativo della sospensione dell’attività imprenditoriale, mentre nella seconda venivano riscontrate violazioni in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro. In particolare non era stata predisposte a regola d’arte la viabilità all’interno del cantiere, creando potenziale pericolo per gli operai che vi si muovevano all’interno.

Noale

A Noale è stato riscontrato in un cantiere edile l’occupazione irregolare di un lavoratore autonomo, impiegato in realtà come dipendente da un’altra ditta, quindi di fatto in nero. Mentre per le violazioni penali in materia di sicurezza sul lavoro non erano stati rispettati i requisiti di sicurezza nell’utilizzo di una grossa gru, creando pericolo per la stabilità della stessa.

Scorzé

A Scorzé è stata sanzionata una impresa edile gestita da un cittadino kosovaro per l’assunzione in nero di due operai su 4,  per cui è stata applicata la sospensione dell’attività lavorativa. Rilevate numerose violazioni in materia di sicurezza tra le quali, le più rilevanti, riguardavano il montaggio del ponteggio senza il rispetto dei requisiti di sicurezza (tavole fermapiede e parapetti), violazione pericolosissima per il rischio di caduta dall’alto, nella maggior parte dei casi letale date le altezza di lavorazione. La stessa violazione sulla sicurezza è stata riscontrata nel secondo cantiere di Scorzè di una ditta locale.

I risultati

Complessivamente l’attività ispettiva ha permesso di conseguire i seguenti risultati: sono state ispezionate 8 imprese, riscontrandone 7 irregolari a vario titolo, esaminate 21 posizioni lavorative, riscontrando l’impiego di 5 lavoratori in nero, tutti comunitari, elevando sanzioni amministrative per 11 mila euro, applicando in due aziende altrettante provvedimenti di sospensioni imprenditoriali. Riscontrate e contestate 16 prescrizioni in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro, per un ammontare complessivo di ammende circa 100 mila euro. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carabinieri nei cantieri edili del Veneziano: 5 lavoratori in nero e 7 aziende irregolari

VeneziaToday è in caricamento