rotate-mobile
Cronaca Marghera

Più di un addetto su cinque in nero, chiuse sette aziende nel Veneziano

Questo il risultato dei controlli a tappeto che hanno visto coinvolti 80 carabinieri e 20 ispettori del lavoro. I sigilli su imprese attive nel tessile e nella cantieristica

Per l'utilizzo di addetti in nero superiore al 20% della forza lavoro complessiva i carabinieri hanno chiuso sette aziende del Veneziano. Le chiusure sono frutto di una operazione che ha visto impiegati 80 militari e 20 ispettori del lavoro che hanno setacciato le aziende tessili, agricole, del calzaturiero e della ristorazione nelle zone di Mestre, Marcon, del Miranese e della Riviera del Brenta.


In particolare a essere chiuse sono state tre aziende tessili cinesi di cui due a Scorzè e una a Salzano, una azienda di autonoleggio gestita da un italiano a Marcon, un cantiere nautico di Marghera di un italiano e due cantieri edili di Mestre. Complessivamente i carabinieri hanno individuato 17 lavoratori in nero ed elevato sanzioni amministrative per 65mila euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Più di un addetto su cinque in nero, chiuse sette aziende nel Veneziano

VeneziaToday è in caricamento