menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Più di un addetto su cinque in nero, chiuse sette aziende nel Veneziano

Questo il risultato dei controlli a tappeto che hanno visto coinvolti 80 carabinieri e 20 ispettori del lavoro. I sigilli su imprese attive nel tessile e nella cantieristica

Per l'utilizzo di addetti in nero superiore al 20% della forza lavoro complessiva i carabinieri hanno chiuso sette aziende del Veneziano. Le chiusure sono frutto di una operazione che ha visto impiegati 80 militari e 20 ispettori del lavoro che hanno setacciato le aziende tessili, agricole, del calzaturiero e della ristorazione nelle zone di Mestre, Marcon, del Miranese e della Riviera del Brenta.


In particolare a essere chiuse sono state tre aziende tessili cinesi di cui due a Scorzè e una a Salzano, una azienda di autonoleggio gestita da un italiano a Marcon, un cantiere nautico di Marghera di un italiano e due cantieri edili di Mestre. Complessivamente i carabinieri hanno individuato 17 lavoratori in nero ed elevato sanzioni amministrative per 65mila euro.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Riaperture, Zaia non esclude novità dopo il "tagliando" del Governo del 20 aprile

  • Cronaca

    Avm, per la commissione di garanzia la disdetta normativa è corretta

  • Cronaca

    Msc conferma due navi da crociera a Venezia

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento