rotate-mobile
Mercoledì, 1 Febbraio 2023
Cronaca Jesolo

Spaccata in hotel a Jesolo, con la riforma Cartabia non possono essere arrestati: le reazioni

L'episodio all'Apart Hotel in viale Oriente. I due malviventi sono stati denunciati a piede libero

Sgomento e preoccupazione. Sono i sentimenti che meglio interpretano le reazioni di Aja e Confcommercio per quanto accaduto l’altra notte, come conseguenza della cosiddetta Riforma Cartabia. In pratica, per trattenere i malviventi sorpresi a rubare non è più sufficiente la flagranza di reato: per permettere il loro arresto è necessaria l’immediata denuncia da parte di chi ha subito il furto.

I fatti

È successo a Jesolo: i poliziotti del commissariato avevano arrestato due ladri subito dopo una spaccata all’Apart Hotel La Pineta di viale Oriente; proprio in virtù della riforma, i due sono stati subito liberati, dopo averne preso le generalità, senza neanche passare per il processo per direttissima. Angelo Faloppa e Pierfrancesco Contarini, presidenti rispettivamente di Confcommercio e Aja, rimasti basiti per quanto accaduto, temono gli effetti devastanti sulle attività, prese di mira dai ladri.

«Oltre ad esprimere solidarietà al nostro collega e associato - esordisce Contarini - non possiamo che esprimere preoccupazione. Queste riforme del diritto penale, magari giustificate in linea teorica, dovrebbero essere immaginate nella pratica prima di essere attuate: perché non è stata valutato attentamente l'effetto dirompente che può avere la trasformazione del furto in reato perseguibile solo se c'è la querela del derubato? E se la vittima, come nel caso di Jesolo, non è presente sul posto, i ladri devono essere lasciati liberi, con tanti saluti a tutti? Non solo temiamo le conseguenze pratiche di questa riforma, ma anche in termini di immagine: il segnale che il nostro paese sta dando, anche all'estero, in tema di giustizia è ogni giorno peggiore».

Interviene con ancora più vigore il presidente Faloppa. «Ipotizzare che non si possa più arrestare in flagranza di reato il ladro e non sia possibile nemmeno processare per direttissima chi si rende responsabile di crimini gravi e che creano grave allarme sociale come le lesioni personali, la violenza privata e persino il sequestro di persona semplice, - spiega - è una cosa inconcepile per un Paese civile. È ora di finirla con i politici che si limitano alle comparsate televisive ed ai tecnici che sembrano vivere al di fuori della realtà».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spaccata in hotel a Jesolo, con la riforma Cartabia non possono essere arrestati: le reazioni

VeneziaToday è in caricamento