menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Terremoto alle Poste: 233 tagli al centro di smistamento di Tessera

Sindacati in trincea dopo aver ricevuto dall'azienda un piano di ridimensionamento molto pesante. La Cgil: "Il diritto costituzionale alla comunicazione viene messo a forte rischio"

Terremoto tra i dipendenti di Poste Italiane. O meglio, tra i dipendenti del Centro di Meccanizzazione Postale di Tessera, i cui rappresentanti sindacali hanno ricevuto una proposta aziendale di ridimensionamento.

Il Cmp, in cui viene distribuita tutta la corrispondenza tra Friuli e Veneto, per ora può contare su 290 dipendenti, ma secondo quanto anticipato alle sigle di categoria questo numero potrebbe essere ridimensionato di 233 lavoratori. Un taglio molto ingente, derivante con ogni probabilità dalla necessità di tenere a bada i costi.


Un secondo progetto di ridimensionamento riguarda la chiusura di 94 zone di recapito nella provincia di Venezia. "Risulta evidente che il diritto costituzionale alla comunicazione fra i cittadini viene messo a forte rischio - dichiara in una nota la Cgil - Nel 2004 ci fu un'operazione simile che produsse lo spostamento di lavoratori su altre province e altri settori aziendali, fatti rientrare al centro di Tessera dopo un anno a seguito delle proteste e del devastante disservizio prodotto nel territorio".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento