Lido, bomba nel cantiere del Mose: disinnesco previsto giovedì mattina

Dalle 9 alle 11 del 20 novembre si svolgerano le operazioni di disattivazione di un ordigno risalente alla seconda guerra mondiale. L'area sarà evacuata

Ancora una "complicazione" nel cantiere del Mose, anche se di genere completamente diverso dagli scandali che hanno investito recentemente l'opera: una bomba d'aereo inesplosa, ritrovata a San Nicolò del Lido di Venezia, richiederà un intervento straordinario di disinnesco.

Si tratta di un residuato bellico risalente alla seconda Guerra Mondiale, una bomba d’aereo americana da 500 libbre (oltre 200 kg di tritolo) che sarà neutralizzata il 20 novembre dagli artificieri dell’esercito in collaborazione con la marina militare. L'ordigno è stato rinvenuto nel corso dei lavori di ripristino dei fondali nella canaletta di accesso al porto del Lido.


Dal comune di Venezia annunciano lo sgombero, dalle 9 alle 11, di un’area di circa 500 metri di raggio dal punto del disinnesco, nonché il divieto di sorvolo per 1600 metri e la sospensione dell’erogazione della corrente nelle linee elettriche di alta tensione all’interno di un raggio di 150 metri. L'area interessata dallo sgombero comprende parte della pista dell'aeroporto Nicelli, parte della diga foranea e parte della spiaggia. Dopo le operazioni di disinnesco la bomba sarà spostata in un luogo idoneo per la sua distruzione.