rotate-mobile
Cronaca

Caldo anomalo, molti alberi a rischio a Venezia: "Necessarie innaffiature straordinarie"

L'allarme è stato lanciato dalla Lipu, che ha scritto al Comune di Venezia per torvare una soluzione ad una situazione molto sottile per le piante, specie quelle con poco spazio per le radici

Il gran caldo non è solo un problema per le persone, ma anche per gli alberi, in gran sofferenza in questo periodo "di fuoco". Numerose sono le segnalazioni giunte alla LIPU in questi giorni, specie per piante a dimora con un apparato radicale poco sviluppato. Un esempio sono i noccioli di via San Donà a Favaro Veneto.

"NECESSARIE INNAFFIATURE STRAORDINARIE"

Ecco perché l'associazione ha scritto al Comune di Venezia di procedere all'innaffiaura straordinaria, che potrebbe diventare la prassi negli anni a venire, visto che l'eccezionalità dell'evento climatico di quest'anno potrebbe essere norma in futuro. "Allo scopo - spiegano i volontari - la pratica della pacciamatura agli alberi può tornare utile per mantenere l'umidità al suolo e mitigare l'eccessiva insolazione".

"La scarsità d'acqua agli alberi - hanno concluso - può portare a gravi conseguenze, anche se non la morte, come forme permanenti di danneggiamento e/o di nanismo. Si rammenta inoltre che la piantumazione ed il mantenimento di un'adeguata alberatura in città fa abbassare la temperatura anche di 7 gradi centigradi".

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caldo anomalo, molti alberi a rischio a Venezia: "Necessarie innaffiature straordinarie"

VeneziaToday è in caricamento