menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Lite sull'aereo a Parigi: "Anziana svenuta, ha udito la parola bomba"

Un volo Air France mercoledì è decollato per Venezia con un'ora di ritardo. La signora è stata portata via in barella, al suo fianco il marito

Avrebbe udito la parola "bomba", e anche per questo motivo sarebbe svenuta. Dovendo essere portata fuori dall'aereo dai sanitari transalpini, con al suo fianco l'anziano marito. Decollo piuttosto tribolato mercoledì dall'aeroporto Charles De Gaulle di Parigi per i tanti veneziani che dovevano mettersi in viaggio alla volta della laguna. La partenza del volo AF1726 era prevista infatti per le 13.05, ma il decollo è avvenuto solo un'ora più tardi. Prima è dovuta intervenire la polizia per sedare un diverbio scoppiato a bordo del velivolo tra quattro passeggeri franncesi. Volano parole grosse.

Tanto che per motivi di sicurezza le ultime trenta persone che stavano per mettere piede sull'aereo sono state allontanate e rispedite nell'area imbarco. Tra loro anche S.C., una giovane veneziana per qualche giorno a Parigi per lavoro: "Ci hanno portato indietro per permettere l'intervento della gendarmeria - racconta - vicino all'aereo è arrivata anche una barella. Poi la signora anziana è stata portata via. Al suo fianco il marito". Ma cos'era successo a bordo dell'aereo? Il motivo della lite lo sanno solo i quattro "rivali". Ma è probabile che la scintilla "fatale" sia scaturita a causa di un posto occupato. Almeno secondo alcune testimonianze raccolte dalla giovane veneziana a bordo prima del decollo.

Fatto sta che secondo alcuni passeggeri nel parapiglia sarebbe stata urlata la parola "bomba". In francese. A quel punto l'anziana si sarebbe allarmata al punto da svenire. Naturalmente è probabile che al collasso abbia concorso anche uno stato di salute già precario. E' anche possibile, si tratta di un'altra versione dei fatti che circolava, che i quattro se la fossero presa con il nipote che la sventurata teneva in braccio. Insomma, quella parola allarmante, sommata all'intervento della polizia potrebbe aver giocato un brutto scherzo alla signora. Dopodiché la situazione è ritornata alla normalità in poco tempo, e gli unici a non essere partiti alla volta di Venezia con un'ora di ritardo (la compagnia ha sacrificato giustamente la puntualità sull'altare della sicurezza) sono stati proprio i due anziani coniugi transalpini.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento