Martedì, 22 Giugno 2021
Cronaca Piazza Giuseppe Mazzini

Il questore chiude un locale a Jesolo per liti e risse

Domenica scorsa le volanti erano intervenute due volte per sedare un violento scontro in cui era coinvolto anche il titolare

Un noto locale di piazza Mazzini, a Jesolo, ha ricevuto stamattina un provvedimento di chiusura per sette giorni, firmato dal questore Maurizio Masciopinto e legato a «gravi motivi di ordine pubblico» documentati dalle forze dell'ordine. In particolare la questura fa riferimento ai fatti avvenuti domenica 30 maggio, quando le volanti del commissariato sono intervenute due volte, durante la serata, per liti violente in cui erano coinvolti due giovani di 23 e 24 anni (entrambi con precedenti) ed il gestore del locale.

In quell'occasione, secondo la ricostruzione della polizia, «a causa di futili motivi, e complice l’alterazione alcolica degli avventori, è scaturito un violento litigio caratterizzato da lancio di oggetti, offese e provocazioni di ogni tipo tra il titolare del locale, che nel frattempo si era barricato all’interno invece di chiamare le forze dell’ordine, ed i due ragazzi, a seguito del quale alcuni dei partecipanti allo scontro hanno riportato lesioni di vario genere». Qualcosa di simile era già successo in passato: nel settembre 2019 lo stesso titolare era venuto alle mani con un altro cliente ed entrambi avevano riportato lesioni.

È emerso, quindi, un «quadro allarmante» di un locale teatro di scontri violenti, frequentato da avventori con gravi pregiudizi di polizia e gestito «con modalità ancor più inaccettabili, considerato il momento storico in cui ci troviamo: una fase di delicata ripartenza a seguito della pandemia da Covid-19, dove la collettività deve poter riporre il massimo affidamento nella corretta gestione degli esercizi pubblici e nel rispetto da parte dei gestori delle attività degli obblighi giuridici e delle buone prassi».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il questore chiude un locale a Jesolo per liti e risse

VeneziaToday è in caricamento