I commercianti portano sulle spiagge la lotta contro l'abusivismo

L'iniziativa è attivata a Bibione e Caorle da Confartigianato, Confcommercio e CNA. Obiettivo è tutelare i frequentatori del litorale e il commercio regolare

"No ai venditori abusivi, sì alla legalità. Sempre". È lo slogan della campagna di sensibilizzazione sul tema della contraffazione, dei rischi sanitari legati ai massaggiatori e ai tatuatori abusivi, che si rivolge ai turisti italiani e stranieri dei litorali di Bibione e Caorle per quest'estate 2015. Un'iniziativa che ritorna dopo il successo dello scorso anno, promossa da Confartigianato, Confcommercio e CNA in tutela dei frequentatori del litorale e, naturalmente, dei commercianti che lavorano nella legalità.

Per tutta la durata della stagione estiva i litorali di Bibione e di Caorle isseranno lo stendardo della legalità, rivolgendo l'attenzione direttamente ai turisti italiani e stranieri. La manifestazione si articolerà in più giornate concretizzandosi in diverse azioni congiunte che vedranno protagonisti i principali soggetti portatori di interessi economici sul territorio, a partire dai Comuni di Caorle e San Michele al Tagliamento.

Lo sai che la merce contraffatta alimenta la malavita organizzata e uccide gli imprenditori onesti? Lo sai che i prodotti contraffatti generati con materiali non certificati, di cui non si conosce la provenienza, sono potenzialmente dannosi per la tua salute? Lo sai che i tatuaggi in spiaggia possono provocare infezioni e malattie anche gravi? Lo sai che i massaggi fatti da persone non qualificate creano disturbi sull'intero organismo? Sono solo alcune delle domande che la nuova campagna di sensibilizzazione porrà ai turisti, per metterli di fronte al problema dell'illegalità e alle conseguenze negative che questa comporta.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Scopo dell'iniziativa, oltre naturalmente a rendere consapevoli gli ospiti della pericolosità dei prodotti contraffatti e dei servizi non certificati che sempre più spesso si vendono nelle spiagge italiane, sarà quello di preservare le attività economiche locali dalla sleale e indiscriminata concorrenza illegale. Garantire un servizio d’eccellenza, far vivere una esperienza turistica positiva, unica nel suo genere ed indimenticabile in una terra meravigliosa ed accogliente sono le priorità delle associazioni promotrici.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Zaia: «Vicenda di Jesolo inconcepibile, certe aggregazioni sono un danno sanitario»

  • È stato inaugurato il bicipark di piazzale Roma

  • Rapina una 15enne, la minaccia con delle forbici e la molesta sessualmente: denunciato

  • Noto albergatore di Jesolo muore in un incidente stradale

  • Gli aggiornamenti sul coronavirus in Veneto e provincia di Venezia

  • Coronavirus, nuovi positivi in provincia di Venezia. Ricoveri stabili a 8

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento