'Ndrangheta in Veneto, operazione dell'Arma: 33 in manette, sequestri per 3 milioni

Accuse di associazione mafiosa, traffico di stupefacenti, rapine, estorsioni. Blitz dei carabinieri in Veneto, Emilia Romagna, Lombardia e Calabria

Associazione di tipo mafioso, traffico di stupefacenti, estorsione, rapina, usura, ricettazione, riciclaggio, turbata libertà degli incanti, furto aggravato, favoreggiamento, violazione delle leggi sulle armi. Sono i reati di cui sono accusati, a vario titolo, gli oltre cento indagati nell'ambito di un'inchiesta sulle infiltrazioni della 'Ndrangheta in Veneto che si è conclusa mercoledì mattina con 33 arresti. Oltre alle misure cautelari, sono stati sequestrati beni per un valore di oltre 3 milioni di euro.

Infiltrazioni in Veneto dal 1981

L'operazione, denominata "Taurus, nasce da un’attività investigativa avviata nel 2013 dai carabinieri – anche a riscontro delle dichiarazioni di un collaboratore di giustizia – per ricostruire un traffico di droga diretto verso il Veneto. Le indagini hanno consentito di arrivare a una struttura ‘ndranghetistica stanziata a Sommacampagna (Verona) almeno dal 1981, riconducibile alle famiglie “Gerace- Albanese- Napoli-Versace", originarie della piana di Gioia Tauro (Reggio Calabria) e con ramificazioni in diversi comuni del Veronese (Villafranca Veronese, Valeggio sul Mincio, Lazise e Isola della Scala). Dalle verifiche dei carabinieri del Ros di Padova, è emersa la costante connessione del gruppo con il “Crimine di Polsi” in Calabria.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Usura, riciclaggio, droga

Le indagini hanno evidenziato frequenti intimidazioni, compiute attraverso reati come l'usura, e un giro di fatture false per operazioni inesistenti. Inoltre, sono stati documentati diversi episodi di riciclaggio, commessi attraverso società di cui i formali titolari si servivano, avvalendosi anche della mafiosità dei loro interlocutori, per trarne un personale tornaconto. Dal quadro emerso dalle indagini è possibile ipotizzare, secondo gli investigatori, la capacità del gruppo di acquisire, direttamente o indirettamente, la gestione e il controllo di attività economiche nei più svariati settori (in particolare costruzioni edili e movimento terra, impiantistica civile ed industriale, servizi di pulizia e di affissione della cartellonistica pubblicitaria, commercio di autovetture e materiali ferrosi, nonché trasporti su gomma) anche in collegamento con affiliati alla cosca “Grande Aracri” di Cutro, residenti nella provincia di Verona. Infine, è emerso anche un traffico di cocaina e marijuana, sviluppato nel veronese attraverso due canali di approvvigionamento: uno in Calabria e l’altro attraverso alcuni appartenenti a gruppi criminali albanesi e sloveni. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vittoria di Brugnaro, sarà sindaco di Venezia per altri cinque anni

  • Ponte dei Assassini: il luogo che ha impedito ai veneziani di portare la barba lunga

  • Una soluzione "chiavi in mano" per ricostruire casa con il superbonus 110%

  • Elezioni 2020: Zaia storico sfiora il 77%, la sua civica al 44,63%

  • La storia del macellaio assassino che ha dato il nome alla Riva de Biasio

  • Colpo grosso a Mestre: il Gratta e Vinci vale 150mila euro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento