menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Magistrato alle Acque occupato e "sfrattato", la protesta a Rialto

Gli attivisti di Global Project e No Grandi Navi si sono spostati dall'Arsenale a riva del Vin per una manifestazione simbolica a palazzo X Savi

Bandiere, striscioni e slogan urlati al megafono non hanno fatto la loro comparsa solo all'Arsenale, martedì mattina: se infatti il primo appuntamento della giornata per gli attivisti di Global Project e di No Grandi Navi è stato proprio a Castello, dove hanno aspettato il premier Matteo Renzi atteso per la Venice Digital Week, la manifestazione più significativa è stata probabilmente quella che si è tenuta ai piedi del ponte di Rialto, dove i comitati hanno preso d'assalto la storica sede del Magistrato alle Acque al grido di “basta corruzione”.

IL VIDEO DAGLI UFFICI DEL MAGISTRATO

OCCUPATO E SFRATTATO – I manifestanti sono entrati come un fulmine a ciel sereno negli uffici di riva del Vin, portando con loro cartelloni e gonfaloni. Precipitatisi tra le scrivanie del Magistrato, un'ottantina di attivisti ha messo simbolicamente a soqquadro banchi e archivi, prendendo poi possesso delle finestre che danno sul Canal Grande e appendendo quindi all'esterno un lungo striscione contro la corruzione. Ben due ex magistrati alle Acque veneziani sono infatti indagati nell'ambito dell'inchiesta sui fondi neri del Mose e negli interrogatori dei vari Baita, Mazzacurati e soci si è sentito parlare fin troppo spesso di mazzette e addirittura “stipendi in nero” che arrivavano ai responsabili di palazzo X Savi. I manifestanti sono rimasti all'interno degli uffici per circa un'ora, rumoreggiando sui social network di aver finalmente “occupato e sfrattato” l'ente lagunare, poi hanno lasciato ordinatamente le trincee, spiegando ai giornalisti che il loro obiettivo non è quello di calpestare un'istituzione vecchia di 500 anni, ma di dire basta ai meccanismi di corruzione e collusione che, stando a quanto ha scoperto la Guardia di Finanza, da oltre due decadi sono la norma in laguna. Dopo gli attivisti nelle sale del palazzo si sono affrettati questore, prefetto e attuale presidente del Magistrato per valutare gli eventuali danni.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento