«Uscita per malattia al rientro non c'è più il posto di lavoro»

La testimonianza di una dipendente. Coinvolta una ditta di pulizie già in vertenza per il mancato pagamento degli stipendi agli operatori da luglio. Tra gli appalti anche la caserma Matter

Caserma Matter foto Associazione Lagunari

La ditta vicentina che ha l'appalto per le pulizia della sede dei lagunari di Mestre, in via Terraglio, torna a far parlare di sé per la gestione del personale.

La malattia

«Mia moglie ha lavorato per circa 20 anni alla caserma Matter - inizia a raccontare un lettore, dopo aver appreso la notizia della vertenza sindacale in cui è coinvolta la ditta di pulizie, che all'interno dello stabile militare dei Lagunari di Mestre, nel 2019 ha preso l'appalto -. Ha combattuto tra cambi ditte e stipendi mancanti. Purtroppo, a febbraio 2019, le è stato riscontrato un cancro al seno. Ha dovuto fermarsi e seguire un percorso di cura indicato dai medici, fino al giorno dell’intervento. A oggi posso dire che tutto è andato per il meglio. Il problema è che - continua - durante la sua malattia l'appalto per la caserma Matter lo ha avuto una ditta vicentina. Alla fine della malattia mia moglie doveva rientrare e ha contattato la responsabile della azienda per comunicarglielo».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il rientro complicato

 La doccia fredda è arrivata subito. «L'impresa le ha fatto sapere che alla Matter di Mestre per lei non c'era più posto. Avrebbe quindi preso servizio alla caserma di Malcontenta, a una decina di chilometri di distanza. E lì - dice il lettore - sono iniziati i problemi, perché mia moglie deve anche assistere la madre invalida. Si avvale della legge 104, usufruendo di permessi - ma l'allontanamento non voluto dal posto di lavoro complica una situazione già difficile -. I sindacati dicono che la lavoratrice non può essere spostata, se c'è la 104, ma quello che è successo dopo è che mia moglie, al lavoro, nonostante una lettera dell'avvocato, non è più rientrata. Spero - conclude - vorrete rendere pubblica la mia testimonianza, per far sapere a tutti quello che ci sta succedendo».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le previsioni: possibili grandinate e raffiche di vento

  • Violento maltempo: tetti scoperchiati, albero caduto su una casa di cura FOTO

  • Venti chilometri di sopraelevata per raggiungere Jesolo d'estate. Ok dal Cipe

  • Auto cappottata al casello Mestre-Villabona

  • «I pusher nigeriani si sono impadroniti di Marghera, gang pericolosissima»

  • Giovane ferito con una coltellata alla fermata del bus

Torna su
VeneziaToday è in caricamento