Prende una pasticca della turbodroga «Tesla»: 19enne si sente male e finisce in ospedale

Sulle pastiglie compare la scritta «Tesla», nome che nel dark web indica una droga pesante. Si tratta di metanfetamine

Sulle pasticche compare la scritta «Tesla». Un nome che, nel dark web, viene utilizzato come parola attraente per indicare una cosiddetta «turbodroga».  Si tratta, in realtà, di una delle metanfetamine, derivanti dall’ecstasy, tra le più potenti esistenti in commercio, che si rivelano talvolta letali. Gli effetti che può avere possono essere gravissimi. Un 19enne di San Donà, assumendola ha rischiato grosso.

Il giovane giovedì mattina si è presentato al pronto soccorso della città del Piave dopo essersi sentito male. Gli operatori sanitari, addosso gli hanno trovato 16 pasticche e hanno allertato i carabinieri. Dopo le cure del caso, il 19enne è stato denunciato e sono partite le indagini per risalire al fornitore.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cosa succede al corpo se si eliminano i carboidrati?

  • Elezioni comunali Venezia 2020: liste, simboli e candidati

  • Stivale sul parapetto di Scala Contarini del Bovolo: polemica sul post della Ferragni

  • Elezioni 2020: i risultati parziali delle votazioni per il presidente della Regione Veneto

  • Schianto in macchina nella notte, morto un ragazzo

  • Fiori d'arancio in casa Panatta: Adriano sposa la sua Anna a Venezia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento