Prende una pasticca della turbodroga «Tesla»: 19enne si sente male e finisce in ospedale

Sulle pastiglie compare la scritta «Tesla», nome che nel dark web indica una droga pesante. Si tratta di metanfetamine

Sulle pasticche compare la scritta «Tesla». Un nome che, nel dark web, viene utilizzato come parola attraente per indicare una cosiddetta «turbodroga».  Si tratta, in realtà, di una delle metanfetamine, derivanti dall’ecstasy, tra le più potenti esistenti in commercio, che si rivelano talvolta letali. Gli effetti che può avere possono essere gravissimi. Un 19enne di San Donà, assumendola ha rischiato grosso.

Il giovane giovedì mattina si è presentato al pronto soccorso della città del Piave dopo essersi sentito male. Gli operatori sanitari, addosso gli hanno trovato 16 pasticche e hanno allertato i carabinieri. Dopo le cure del caso, il 19enne è stato denunciato e sono partite le indagini per risalire al fornitore.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: novità per le attività commerciali e limitazioni in vigore

  • Il Veneto resta giallo? Zaia: «Dipendiamo da Rt, ma non abbiamo demeriti per cambiare zona»

  • Natale con congiunti ma senza abbracci: le regole per cenone e veglione di Capodanno

  • Domani si decide sul colore del Veneto, Zaia: «Pressione su ospedali, ma tutto sotto controllo»

  • Domani nuova ordinanza in Veneto, Zaia: «Misure per garantire la salute pubblica»

  • Coronavirus, il prossimo mese il Veneto potrebbe essere area a rischio elevato

Torna su
VeneziaToday è in caricamento