menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Foto dei vigili del fuoco

Foto dei vigili del fuoco

Tempesta di fulmini e forte vento nella notte: alberi caduti e barche in difficoltà in laguna

Preoccupazione per un naufrago nella zona di Chioggia, poi individuato. Un centinaio gli interventi dei vigili del fuoco tra Lido di Venezia, Mestre, Pianiga, Noale e Portogruaro

E' stata una tempesta di fulmini e vento che ha destato una certa preoccupazione nella tarda serata di sabato nel Veneziano. Raffiche impetuose e cielo illuminato a giorno da una lunga sequenza di saette poco dopo la mezzanotte che raramente si è mostrata così violenta. Un centinaio gli interventi dei vigili del fuoco tra terraferma e laguna: preoccupazione per una persona che si trovava a bordo di una imbarcazione all'ancora nelle acque di Chioggia che a un certo punto è caduta fuori dallo scafo, facendo perdere le proprie tracce.

A bordo in origine c'era una coppia residente a Carmignano sul Brenta: vento e onde hanno sospinto il natante al largo e un 30enne è caduto in acqua mentre tentava di mettere in sicurezza la barca. La donna è riuscita a raggiungere Val da Rio lanciando l'allarme, a circa un chilometro da dove i 2 in origine erano ormeggiati.

Il naufrago è stato ritrovato dopo circa 3 ore da capitaneria di porto e pompieri. Era in buone condizioni per fortuna. Abile nuotatore, il giovane è riuscito a raggiungere una secca in prossimità di alcune palificazioni, mettendosi in salvo. Il 30enne è stato issato a bordo, asciugato e portato a terra, stremato. Altri due natanti sono stati soccorsi all'altezza del Lido di Venezia: il vento è giunto improvviso e inaspettato, cogliendo alla sprovvista chi si trovava al largo. Un’altra imbarcazione con padre e figlio a bordo si è arenata rovesciandosi di fronte al porto di Chioggia.

SONO STATE 27 LE PERSONE SALVATE - In tutto sono state 8 le operazioni di salvataggio nelle acque veneziane coordinate dalla capitaneria di porto: 27 le persone soccorse, tutte incolumi a parte una che è dovuta ricorrere alle cure dei sanitari per una ferita alla mano. Gli interventi in luoghi molto distanti tra loro: per questo motivo la guardia costiera ha utilizzato tutti i mezzi a disposizione, ottenendo l'aiuto anche di unità della guardia di finanza, della polizia, di una pilotina del Porto e personale di sorveglianza dei cantieri del Mose. Soccorsi si sono resi necessari, oltre che al Lido, anche a Burano, Punta Sabbioni e in altre zone.

ALBERI CADUTI IN TERRAFERMA - Anche in terraferma la natura ha mostrato tutta la propria potenza: alberi caduti o pericolanti a macchia di leopardo soprattutto nella zona di Mestre, ma i vigili del fuoco sono dovuti intervenire anche a Noale, Portogruaro, Pianiga, Jesolo, Chioggia, Cavarzere, Mira, Mirano. Rami e arbusti in mezzo alla strada non si contavano domenica mattina, quando erano in corso di smaltimento le operazioni rimaste in coda durante la nottata. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bollo auto, prorogata ancora la scadenza del pagamento in Veneto

Attualità

Marea di borse in plastica invade la scala Contarini del Bovolo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento