Domenica i veneziani scendono in campo contro i borseggi: "Stop ai furti in stazione"

Dalle 10 alle 12 manifestazione davanti alla stazione contro la piaga delle manoleste. Saranno consegnati manifesti bilingue e si chiederà a gran voce di tutelare almeno i bambini

Decisi a chiedere il pugno duro delle autorità contro i borseggi e i borseggiatori, i veneziani scendono in strada per una manifestazione domenica, con ritrovo alla stazione ferroviaria di Santa Lucia alle 10. Determinati, specie dopo gli ultimi fatti accaduti in città, a chiedere il rispetto delle regole e l'allontanamento da Venezia di quanti non rispettano le regole della civile convivenza. L'iniziativa è stata presa dopo che un gondoliere ha cercato di alzare la voce contro le note manoleste che lavorano tra gli imbarcaderi della stazione e lo scalo ferroviario, mettendo a segno colpi a ripetizione.

A decine sono state denunciate, alcune di età inferiore ai 14 anni, altre in stato interessante. Quando il pope ha cercato di mettere in guardia i turisti per il pericolo degli scippi, alcune di loro si sono coalizzate. Ne è scaturito un parapiglia al termine del quale è dovuta intervenire la polizia. E' possibile, ma lo si deciderà all'ultimo momento, che come in passato possano essere preparati dei cartelloni con i volti delle borseggiatrici in bella vista. In modo da aiutare chi arriva a Venezia utilizzando il treno o intenda prendere il vaporetto davanti alla stazione a individuare le possibili malintenzionate.

Ma i borseggi sono frequenti anche a piazzale Roma, dove le ladre (e anche alcuni ladruncoli, è stato fermato addirittura un 11enne) sfruttano la calca per perpetrare i loro furti. Alcune volte facendo davvero il colpo grosso: bottini che possono sfiorare anche i 20mila euro.

"Difendiamo almeno i bambini", sarà uno degli slogan della manifestazione. Questo perché le borseggiatrici, oltre a essere spesso in stato interessante per evitare l'incriminazione, sfruttano spesso i bimbi, che diventano parte integrante del loro modus operandi: "Chiediamo alle autorità competenti di applicare la convenzione Onu sui diritti dell'infanzia e dell'adolescenza". Alla manifestazione di domenica hanno già aderito i "Cittadini non distratti", sempre in prima linea contro i borseggi, e altre associazioni veneziane che chiedono che il problema sia preso di petto dall'amministrazione comunale e dalle forze dell'ordine.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un pene in cemento compare a San Marco

  • «Assembramenti fuori dai locali, gente senza mascherina: così torniamo indietro»

  • In arrivo forti rovesci e grandinate

  • Un etto di cocaina e 15 mila euro in contanti: 4 arresti

  • Maneggio in fiamme: feriti padre e figlia, morti quattro cavalli

  • Pericoloso inseguimento in laguna, giovane sperona la volante: 25enne arrestato

Torna su
VeneziaToday è in caricamento