Futuro del Porto, il convegno in Marittima. Il Pd torna sulla cabina di regia

Manifestazione di imprese e lavoro domattina in Marittima alle 9. Poi gli interventi del sindaco Brugnaro, del presidente Musolino, dell'ammiraglio Pellizzari e del presidente Marinese

Marittima, archivio

Imprenditori e lavoratori del porto tornano a manifestare domani, giovedì 13 febbraio, in Marittima alle 9 per affermare la centralità del Porto. Sono 1.260 le aziende direttamente impiegate a Venezia, 21.175 gli addetti dello scalo del capoluogo lagunare assieme a quello di Chioggia. Misurando anche l’indotto l’impatto economico totale è quantificabile in 92.284 posti di lavoro. Tra produzione diretta, indiretta e indotto, il sistema portuale veneto pesa per 21 miliardi di euro. Sono i dati dello studio "L’impatto economico e sociale del sistema portuale veneto", presentati il 23 gennaio scorso a Porto Marghera. Mentre domani, alle 10, sempre in Marittima, sono Alessandro Santi presidente dell'associazione agenti raccomandatari e mediatori marittimi del Veneto e Gian Enzo Duci di Federagenti, a presentare la loro prospettiva, aprendo il convegno "Un futuro per la città-porto. Il porto è vita", con gli interventi, tra gli altri del sindaco di Venezia Luigi Brugnaro, del presidente dell'Autorità del sistema portuale, Pino Musolino, del presidente di Confindustria Venezia Rovigo, Vincenzo Marinese, e dell'ammiraglio Piero Pellizzari.

Schermata 2020-02-12 alle 18.03.55-2

Il Partito Democratico manifesta la propria preoccupazione per il futuro del Porto di Venezia dicendosi vicino «alle organizzazioni sindacali e datoriali che chiedono certezze rispetto al loro futuro e all’economia della città. Il sistema portuale ha un impatto economico sul Comune di Venezia pari al 27% del totale - scrivono Giorgio Dodi segretario comunale Monica Sambo capogruppo in Consiglio comunale, Nicola Pellicani deputato e consigliere comunale ed Emanuele Rosteghin consigliere comunale -.  È stata introdotta la zona logistica semplificata (Zls) e stiamo facendo ogni sforzo per concludere il “protocollo fanghi” e il “piano morfologico”. Riteniamo che la prossima Amministrazione comunale dovrà: - arrivare alla definizione del nuovo piano regolatore Portuale; - riaprire la strada interrotta con Syndial al fine di acquisire le aree dismesse da Eni per garantire una regia pubblica alla destinazione delle aree; - adoperarsi affinché nella fase attuativa della Zls venga fin da subito costituita una “cabina di regia” con la presenza costante delle organizzazioni sindacali e datoriali e condizionare ogni ipotesi di insediamento a una vocazione industriale e logistica di Porto Marghera e a uno sviluppo occupazionale di qualità».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cosa succede al corpo se si eliminano i carboidrati?

  • Elezioni comunali Venezia 2020: liste, simboli e candidati

  • Stivale sul parapetto di Scala Contarini del Bovolo: polemica sul post della Ferragni

  • Elezioni 2020: Zaia storico sfiora il 77%, la sua civica al 44,63%

  • Schianto in macchina nella notte, morto un ragazzo

  • Fiori d'arancio in casa Panatta: Adriano sposa la sua Anna a Venezia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento