rotate-mobile
Cronaca San Marco / Piazza San Marco

"Per De Gaulle e i Serenissimi": ma si ritrovano in pochissimi a San Marco

Erano in tre, per la questura, le persone che alle 12, davanti alla tomba di Manin, hanno ricordato l'appello di 72 anni fa del comandante transalpino. Nessun accenno al "blitz" dei Serenissimi

Avevano dichiarato che nonostante il divieto del nuovo questore di Venezia Fulvio Roca avrebbero manifestato davanti alla tomba di Daniele Manin. L'hanno fatto. Stamattina, verso le 12, un gruppetto di aderenti al "Governo Veneto", secondo la questura solo tre persone, tra cui il presidente dell'associazione Albert Gardin, si sono riuniti a fianco della basilica di San Marco, in piazzetta dei Leoncini, in occasione del 72esimo anniversario dell'appello alla libertà dei popoli lanciato dal generale Charles De Gaulle durante la Seconda Guerra Mondiale, volto a far sollevare i francesi contro l'occupazione nazista.

Oltre a ricordare quell'avvenimento, rileggendo il messaggio lanciato via radio dal comandante delle truppe transalpine, avrebbe dovuto essere letto anche l'appello dei "Serenissimi" alla ricostituzione della Repubblica di Venezia "recitato" qualche mese prima dell'assalto al Campanile nel 1997. Il gruppetto di aderenti, però, controllato dalle forze dell'ordine, ha preferito recitare un brano di un libro, forse per non incorrere in denunce.

L'iniziativa, infatti, al pari di quella del 25 aprile scorso (giorno della Festa di San Marco) attraverso cui i manifestanti intendevano ricordare il blitz dei Serenissimi di 15 anni fa, era stata vietata dalla questura perché inneggiava a vicende "che hanno evidenziato profili di illiceità penale", per cui ci sono state anche delle condanne. In più in area marciana, in quanto zona a forte caratterizzazione artistica, religiosa e culturale, sono vietati i cortei. Si tratta della stessa norma per cui al Comitato No Grandi Navi era stato impedito di manifestare contro le imbarcazioni da crociera in Canal Grande.


Per i partecipanti alla commemorazione odierna si potrebbe quindi configurare una denuncia per manifestazione non autorizzata o, meglio, per violazione di una disposizione dell'autorità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Per De Gaulle e i Serenissimi": ma si ritrovano in pochissimi a San Marco

VeneziaToday è in caricamento