menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Venezia "al vaglio" dell'Unesco, associazioni unite in corteo: "Vogliamo vivere in città"

Appuntamento il 2 luglio 2017, quando si aprirà la sessione dell'Unesco chiamata a pronunciarsi sull'inserimento della città tra i siti in pericolo. Già numerose le adesioni

Il prossimo 2 luglio si aprirà la sessione dell'Unesco che è chiamata a pronunciarsi sull'inserimento di Venezia nella lista dei siti in pericolo. E parallelamente, un nutrito gruppo di associazioni e comitati manifesterà unitamente, senza bandiere di partito, per reclamare il diritto dei cittadini di restare o ritornare a vivere "in quella che alcuni vorrebbero ridurre a semplice vetrina, priva di vita e di abitanti".

Già numerose le adesioni raccolte per l'iniativa: Assemblea Sociale per la Casa, Comitato per la restituzione dell'Arsenale a Venezia, Effetto Venezia, Forum Futuro Arsenale, Generazione 90, Gruppo25Aprile, Italia Nostra, L'Altra Venezia, Sanca veneta, Venessia.com, Venezia Cambia, Verdi Ambiente Società, Daniele Giordano (segretario generale CGIL-FP Venezia), Mario Ragno (segretario generale UIL-FPL Venezia). "Noi che a Venezia viviamo, lavoriamo o studiamo non abbiamo bisogno di attendere un 'verdetto' dell'Unesco per denunciare le troppe omissioni delle istituzioni - spiega il portavoce di #Veneziamiofuturo Marco Gasparinetti - e la mancanza di risposte ai problemi che in molti denunciamo da anni. Ultimo insulto la decisione della Camera di Commercio di abbandonare la sede veneziana".
 
"Sindaco inconcludente, regione assente e ministri compiacenti possono forse sperare di prendere in giro l'Unesco che è lontana, - continua Gasparinetti - ma chi vive o lavora qui tocca con mano ogni giorno i troppi problemi irrisolti, dalla mancanza di case e lavoro qualificato ai danni provocati da un turismo di massa e di bassa qualità che tutto piega alla sue esigenze e sta devastando il tessuto sociale con l'espulsione continua di residenti e la scomparsa dei negozi di vicinato, le attività artigianali sacrificate alla paccottiglia prodotta in serie, il traffico acqueo al collasso".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Estate 2021, Ryanair annuncia 65 nuove rotte dal Veneto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento