menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Motociclista travolto e ucciso da un camion, la Procura ordina una perizia cinematica

L'incidente lo scorso 19 agosto a Majano. Marco Vendramini, capo reparto alla Veneta Isolatori di Ceggia, era caduto dopo essere stato investito da un camion che non si è fermato

La Procura di Udine vuole vederci chiaro sul tragico incidente costato la vita, il 19 agosto 2020, sulla Strada Regionale 463, nel territorio comunale di Majano, al 49enne Marco Vendramini, di Motta di Livenza, capo reparto alla veneta Isolatori di Ceggia. La notizia è riportata da Trevisotoday.

I fatti

Vendrami era stato travolto, dopo essere caduto dalla sua moto, dal conducente di un autoarticolato che non si è fermato, salvo poi essere rintracciato dalle forze dell’ordine: il camionista, D. V., un bresciano residente a Prevalle, anche lui di 49 anni, è indagato per i reati di omicidio stradale e omissione di soccorso. Il pubblico ministero titolare del procedimento penale per la morte del centauro, la dott.ssa Paola De Franceschi, dopo l’autopsia sulla salma ha infatti disposto anche una perizia cinematica per ricostruire la dinamica, le cause e le responsabilità del sinistro e anche per comprendere «le ragioni del successivo comportamento dell’indagato», scrive il sostituto procuratore nel suo avviso di accertamenti tecnici non ripetibili firmato il 4 settembre.

Il Ctu dovrà innanzitutto verificare se sussistano profili di colpa da parte dell’autotrasportatore bresciano nella causazione dell’investimento mortale e, in relazione all’accusa di omissione di soccorso, se egli avrebbe potuto e/o dovuto percepire l’urto con la vittima. La perizia dovrà essere prodotta entro 45 giorni dall’inizio delle operazioni.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento