Silvano Maritan rinviato a giudizio: andrà a processo per l'omicidio di Lovisetto

Era stato arrestato nel novembre 2016 per avere ucciso il compagno dell'ex fidanzata. Per lui era legittima difesa, ma il giudice non gli credette. Prima udienza il 4 dicembre

Si va a processo. Il reato ipotizzato è omicidio volontario. Imputato Silvano Maritan, 69enne ex Mala del Brenta arrestato il 13 novembre 2016 per il delitto in cui perse la vita Alessandro Lovisetto, 53enne. Prima udienza il 4 dicembre in Corte d'Assise. Lovisetto fu raggiunto da una coltellata alla gola al culmine di una lite a San Donà, vicino a piazza Indipendenza, in pieno centro. Maritan venne fermato poco più tardi. Nei giorni successivi, all'udienza di convalida, spiegò davanti al giudice per le indagini preliminari di non aver avuto intenzione di uccidere Lovisetto, il quale intratteneva una relazione con l'ex fidanzata di Maritan.

Il 69enne, rappresentato dall'avvocato Giovanni Gentilini, raccontò di essere stato aggredito e di aver reagito per legittima difesa. Poco prima del faccia a faccia aveva incontrato l'ex fidanzata. Secondo la versione di Maritan, quindi, sarebbe stato Lovisetto a raggiungerlo in maniera inaspettata. Parole che, però, non convinsero il giudice, anche in base a una serie di testimonianze riportate da altre persone presenti. Il 25 ottobre 2017, quasi un anno dopo, arriva la notizia del rinvio a giudizio. Sarà l'avvocato Andrea Faraon a rappresentare i tre figli di Lovisetto, parte civile nel processo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Primo caso di Coronavirus nel Veneziano: è un 67enne di Mira

  • Aumentano i casi positivi al coronavirus: aggiornamenti

  • Coronavirus, inizia la settimana più lunga: gli aggiornamenti

  • L'ordinanza del ministero della Salute e del presidente della Regione Veneto

  • Coronavirus: l'ordinanza per i Comuni colpiti del Veneto

  • Coronavirus: quali sono i sintomi e come comportarsi in caso di contagio

Torna su
VeneziaToday è in caricamento