menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Colto di sorpresa e pestato brutalmente": un 56enne finisce in ospedale a Mirano

La disavventura sarebbe capitata a un marocchino. Secondo il suo racconto, su cui indagano i carabinieri, sarebbe stato colpito da un connazionale. Ma c'è chi afferma che non sia vero

Una presunta aggressione brutale, apparentemente senza motivi. "Non mi è mai accaduto in 30 anni che sono in Italia", queste le parole di M.C., 56enne di origini marocchine trapiantato in Italia. La brutta avventura per il malcapitato sarebbe andata in scena domenica mattina poco prima delle 11, nelle vicinanze della rotonda di via Porara a Mirano.

Pare che l'uomo fosse privo di sensi quando sono intervenuti i sanitari del 118, allertati con ogni probabilità da qualche passante che lo aveva visto riverso in terra, inerme. Ma sulla sua versione insistono forti dubbi. O meglio, l'associazione di connazionali che si stava riunendo a poca distanza racconta di un diverbio durante l'assemblea stessa. Al punto che M.C. sarebbe stato invitato ad allontanarsi. Solo allora, all'esterno, il 56enne si sarebbe buttato a terra. "Io assistendo alla scena me ne sono andato - dichiara un testimone - ma era lui che stava facendo tutto da solo. Prima era arrivato insultandoci e prendendoci a male parole".

Dunque ci sono due versioni discordanti sui fatti, su cui stanno cercando di far luce i carabinieri di Spinea, intervenuti sul posto. I militari sono stati allertati dal personale del 118. Stando alla versione dei fatti della presunta vittima, si sarebbe trattato di un'aggressione perpetrata da un cittadino di nazionalità marocchina poi fuggito facendo perdere le sue tracce. Si sarebbe trattato di colpi sferrati a mani nude, senza corpi contundenti o armi.

L'aggressore avrebbe colpito più volte la vittima all'altezza della milza e del rene sinistro, ragion per cui il personale sanitario ha imposto all'uomo un periodo di osservazione, durante il quale saranno ripetuti a scopo precauzionale tutti gli esami specifici del caso. Nel frattempo le forze dell'ordine sono al lavoro per far luce sulla dinamica dell'accaduto, per stabilire quali delle due versioni sia quella giusta.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento