rotate-mobile
Cronaca Campolongo Maggiore / Via Lova

Dilaniato dall'esplosione mentre fa saltare un bancomat, muore 49enne

Massimo Trovò, pregiudicato di Campolongo Maggiore, ha perso la vita in provincia di Firenze. Identificato grazie a un dito. Perquisizioni in Riviera del Brenta tra i possibili complici

Solo grazie all'unico dito rimasto integro lo hanno identificato. Perché il corpo di Massimo Trovò, 49 anni, di Campolongo Maggiore, è stato colpito dalla deflagrazione di una carica esplosiva posizionata davanti a una cassa continua di un supermercato in provincia di Firenze.

Come riporta La Nuova Venezia, la vittima, un pregiudicato da tempo conosciuto dalle forze dell'ordine, si trovava nel supermercato mentre con ogni probabilità alcuni complici lo aspettavano all'esterno della struttura. Qualcosa è andato storto: la polvere pirica è esplosa prima del previsto, dilaniando il corpo di Massimo Trovò. I carabinieri, arrivati sul posto, hanno trovato solo il cadavere del malvivente. I complici si erano volatilizzati.


Non appena la notizia dell'identificazione è arrivata ai militari della compagnia di Chioggia e ai colleghi del Reparto operativo sono scattate alcune perquisizioni nelle abitazioni di persone considerate "vicine" alla vittima. Potrebbe trattarsi di una batteria riconducibile anche a due colpi simili portati a termine venerdì tra le province di Arezzo e Lucca.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dilaniato dall'esplosione mentre fa saltare un bancomat, muore 49enne

VeneziaToday è in caricamento