menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Mattia Perinel di La Salute di Livenza morto per meningite fulminante

Il piccolo di tre anni e otto mesi ieri è deceduto all'ospedale di Padova. La malattia ha preso il sopravvento in soli quattro giorni. Il paese si stringe attorno ai due genitori e alla sorellina

Era un bimbo vivace, Mattia. Il suo sorriso riempiva la vita di Luciano e Manuela. Di gioia, di piccole soddisfazioni quotidiane. In quattro giorni, però, in soli quattro giorni, Mattia se n'è andato all'età di tre anni e otto mesi. Strappato all'affetto dei genitori. Strappato al futuro e alla sua sorellina di due anni. Una meningite fulminante, di quelle che non lasciano scampo, e i due coniugi di La Salute di Livenza, frazione del comune di San Stino, devono sopportare un dolore che lascia senza parole.

Come riporta Il Gazzettino, il piccolo si era svegliato quattro giorni fa con la febbre molto alta. Non solo, purtroppo. Luciano e Manuela, nel prestare le prime cure al loro bambino, si sono accorti di un innaturale irrigidimento del collo. La decisione quindi di correre all'ospedale di San Donà di Piave, dove i medici lo hanno trattenuto in osservazione per un giorno. Poi la diagnosi e il trasferimento in elicottero a Padova: era meningite fulminante. Nessun dubbio.

In tre giorni la malattia ha preso il sopravvento, nonostante gli sforzi profusi dai sanitari. Non c'è stato nulla da fare. Il piccolo Mattia è deceduto ieri, mentre i suoi genitori erano al suo capezzale sperando in un miracolo. Nemmeno il loro immenso amore è bastato. Una tragedia che ha colpito molto la comunità di La Salute di Livenza, che ora vuole solo stringersi attorno ai due genitori del piccolo Mattia e della sua sorellina, che ha aspettato invano il ritorno di suo fratello.

 

"Riguardo alla profilassi - precisa in una nota l'Ulss 10 - non è stata intrapresa alcuna azione specifica sui contatti scolastici della scuola materna di San Giorgio di Livenza, che il bimbo aveva frequentato fino allo scorso 31 ottobre, e neppure nei confronti dei familiari, in quanto la forma di meningite batterica da pneumococco non richiede l'applicazione del protocollo per la profilassi farmacologica delle meningiti batteriche". Sono state fornite tutte le informazioni per tranquillizzare i genitori dei bambini che frequentano la scuola materna, "ribadendo che non è necessaria alcuna profilassi farmacologica nei contatti scolastici".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sì al turismo, «strategico per la ripresa economica». Adesioni di cittadini e operatori

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento