Mattia, sconfitto dalla malattia a 28 anni: è morto nel giorno del suo compleanno

Mattia Rossato viveva a Spinea. Il ricordo del papà: «Un ragazzo forte, pronto ad aiutare tutti»

Mattia Rossato aveva 28 anni e viveva a Spinea

«Era convinto di farcela. Tutti lo eravamo, ma il destino ha voluto così». A Parlare è Patrizio Rossato, papà di Mattia, scomparso a causa di un melanoma nel giorno del suo ventottesimo compleanno. Il giovane, che abitava a Spinea insieme alla sua famiglia, da tre anni combatteva contro la malattia. Lo ha fatto sempre con il sorriso sul volto, nonostante le difficoltà, come dimostrano anche le foto che spesso ha postato sui social network e che lo ritraevano durante le terapie.

L'università e lo sport

Mattia, dopo il diploma al liceo Majorana di Mirano, si era laureato all'università di Padova in tecnologie forestali e ambientali. La sua tesi sulla gestione delle risorse forestali in Veneto è stata pubblicata anche dal Comitato Difesa Ambiente di Spinea. «Quest'anno lo avevo iscritto alla specialistica, ma poi non se l'è più sentita - racconta il papà -. Mattia è sempre stato un ragazzo brillante, attivo, aiutava tutti. Aveva fatto il Grest, giocato a basket. Una persona socievole. Quando era più piccolo andavamo sempre a fare lunghe passeggiate insieme, ho tanti bei ricordi con lui». 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il ricordo

Un ragazzo forte, così lo descrivono anche i suoi amici. «È un’ingiustizia non poter vivere la propria vita, come lo è anche dover lasciare questo mondo prima dei propri genitori, spero che ora tu possa trovare la pace e la serenità di cui, ahimè, non hai potuto godere in questi ultimi difficilissimi anni», lo ha ricordato un amico su Facebook. Mattia sperava di riuscire a sconfiggere il melanoma. «Tutti lo avevamo combattuto insieme a lui, ha lottato fino all'ultimo ma purtroppo il male è stato più forte». Un'amica ricorda così il grande legame che li univa: «Tu volevi condividere con me tutte le cose belle della vita, così come fanno i veri amici: non le tengono per sè ma te le fanno assaporare». Il funerale è stato fissato per sabato alle 10 a Spinea.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un nuovo mini focolaio di coronavirus in una casa di riposo di Mestre: anziano all'ospedale

  • Gli aggiornamenti sui casi di coronavirus

  • È stato inaugurato il bicipark di piazzale Roma

  • Scoperto un traffico di ragazze schiavizzate e costrette a prostituirsi in strada

  • Gli aggiornamenti sul coronavirus in Veneto e provincia di Venezia

  • Si masturba affacciato alla finestra, denunciato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
VeneziaToday è in caricamento