Non solo ospedale: un anno di "fatiche" della Medicina di Gruppo Integrata di Noale

Il bilancio del servizio integrato con l'unità ospedaliera: sette medici per 11mila pazienti, 12 ore al giorno di consulenza che coadiuva gli interventi dell'unità ospedaliera

Sette medici a disposizione di undicimila assistiti, che erogano all’anno circa cinquemila prestazioni, tra medicazioni, elettrocardiogrammi, spirometrie e terapie intramuscolo. Parliamo della Medicina di Gruppo Integrata di Noale, che sorge all’interno della struttura sanitaria di Noale della Ulss 3 nel 2008 (allora si chiamava UTAP). “Si tratta di un servizio importante per il territorio, – ha evidenziato il Direttore Generale della Ulss 3 Giuseppe Dal Ben - un esempio di perfetta integrazione con la realtà ospedaliera, dove i cittadini ottengono risposte concrete ed efficaci sia in termini di ampia offerta oraria (aperto 12 ore al giorno), sia per i servizi erogati che permettono, per alcuni pazienti cronici, di evitare di dover rivolgersi sempre all’Ospedale”.

Il servizio

La Medicina di Gruppo Integrata è aperta nei giorni feriali, dal lunedì al venerdì, con la presenza di uno o due medici per 12 ore al giorno, dalle 8 alle 20. Il sabato dalle 8 alle 10. Nei giorni prefestivi e festivi, è garantita la presenza del medico di guardia medica che si trova sempre nella struttura di Noale, anche in orario notturno (dalle 20 alle 8, continuità assistenziale). In tutta la struttura è attiva una rete informatica per la gestione della cartella clinica che permette il collegamento tra tutti gli operatori sanitari in tutti i loro ambulatori. A fianco dei medici, ci sono a disposizione degli assistiti tre infermieri per un servizio infermieristico aperto dalle 8 alle 20, più cinque segretarie. I medici che vi operano sono: Dott. Carlo Zalunardo (referente della MGI), dottor Enzo Righetto, dottoressa Emanuela Rinaldo, dottor Giacomo Stecca, dottor Angiolino Ianniciello, dottor Luca Campanini, dottor Giovanni Donà.

Attività

Oltre ai servizi gratuiti quali visite mediche , medicazioni di piaghe o ferite chirurgiche, viene effettuato anche il test pressione arteriosa, l'affiancamento nelle vaccinazioni, elettrocardiogrammi, spirometrie, controlli e visite a pazienti diabetici, ipertesi e con bronchite cronica ostruttiva. Quotidianamente si rilevano circa settecento accessi. Alcuni dati: : PDTA Diabete mellito (Percorso Diagnostico Terapeutico) con 603 pazienti all’anno; PDTA Bronchite cronica ostruttica (BPCO) con 170 pazienti; PDTA pazienti in TAO (terapia anticoagulante) con 121 pazienti. Vengono eseguite prestazioni infermieristiche in pazienti ipertesi 2876, erogate 1791 medicazioni, eseguiti 294 elettrocardiogrammi e 186 spirometrie; infine sono eseguite 2250 terapie intramuscolo circa all’anno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente in auto nel pomeriggio: morto un 19enne di Mira, grave un suo coetaneo

  • Schianto tra un'auto e uno scooter, morto un 17enne

  • Zaia contro il Dpcm: «Posso spostarmi in una metropoli e non tra Comuni con meno di 5mila abitanti»

  • Oroscopo Paolo Fox oggi 2 dicembre 2020, le previsioni segno per segno

  • Coronavirus, bollettino di oggi: i numeri in Veneto e provincia di Venezia

  • Schianto in moto, morto un uomo

Torna su
VeneziaToday è in caricamento