rotate-mobile
Cronaca Mirano

Ricatto a luci rosse a un medico di Mirano, 27enne patteggia la pena

Il camice bianco era stato filmato durante un rapporto omosessuale con il marito della donna romena. Poi le estorsioni e la denuncia in Procura

Medico di Mirano ricattato per un video a luci rosse mentre aveva un rapporto omosessuale. A riscuotere i primi pagamenti del camice bianco (poi la vittima dell'estorsione ha trovato il coraggio di rivolgersi alla Procura) la moglie dell'altro uomo, nel frattempo finito in carcere in Romania, Paese d'origine della coppia, per altre vicende giudiziarie.

Ora la moglie, 27enne, arrestata a Trieste lo scorso dicembre, ha patteggiato una pena di due anni e cinque mesi di reclusione, come concordato tra i legali difensori e il pubblico ministero. La condanna martedì pronunciata, come riportano i quotidiani locali, dal giudice per le indagini preliminari Roberta Marchiori. La giovane si trova ancora in cella, in attesa che il giudice si pronunci sulla richiesta di scarcerazione presentata dai suoi avvocati. Secondo la donna sarebbe stato il suo compagno a costringerla con le minacce a perseverare nel ricatto, durato alcuni mesi.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ricatto a luci rosse a un medico di Mirano, 27enne patteggia la pena

VeneziaToday è in caricamento