menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Meningite, è boom di richieste per il vaccino. Ulss4: “Questo allarme non è giustificato”

Ambulatori del Veneto orientale presi d'assalto. Il dipartimento di prevenzione assicura: "Paura immotivata", ma aumentano gli appuntamenti specie per i bambini piccoli

Migliaia le richieste di vaccinazione rivolte ai medici, l’allarme meningite è sempre più diffuso nonostante le rassicurazioni del servizio igiene e sanità pubblica del dipartimento di prevenzione. Il timore per il contagio a seguito dei decessi avvenuti gli scorsi giorni nel paese è più forte di qualsiasi dimostrazione scientifica. 

Ormai sono in aumento anche le richieste aggiuntive rispetto alle ordinarie immunizzazioni antimeningococciche, offerte gratuitamente ai neonati. 

“E’ un numero di richieste molto elevato, ma non giustificato dall’attuale condizione epidemiologica. La situazione è sotto controllo”, spiega il direttore del dipartimento di prevenzione, il dottor Luigi Nicolardi.

Negli ambulatori del territorio si vaccina tutti i giorni ma, allo scopo di rispondere alla straordinaria richiesta è stata ampliata l’attività anche al sabato mattina a partire dal 14 gennaio, per il territorio sandonatese presso gli ambulatori di via Trento a San Donà di Piave e per il portogruarese negli ambulatori dell’ex Sils a Portogruaro. 

Gli appuntamenti delle sedute del sabato possono essere richiesti contattando la segreteria del dipartimento di prevenzione allo 0421-228172 nell’orario 12.00-14.00, per fax allo 0421-227887, o per mail a dipprev.sandona@aulss4.veneto.it, mentre per la vaccinazione nelle altre giornate della settimana, la richiesta di appuntamento deve essere rivolta al personale delle singole sedi vaccinali territoriali.  

Anche secondo l’assessore regionale alla Sanità, Luca Coletto: “In Veneto l’andamento dei casi di meningite rientra nella media annuale regionale e nazionale, e non desta particolari preoccupazioni”.

Il Sistema di sorveglianza attivo da anni in Veneto testimonia che, tra il 2007 e il 2016,  il 53,9% dei casi è relativo a meningite da pneumococco, la forma non contagiosa. 

“Il personale del dipartimento di prevenzione in questi giorni sta svolgendo un grosso carico di lavoro per rispondere a tutte le richieste di vaccinazione”, spiega il direttore generale Carlo Bramezza. “ Tutte verranno soddisfatte”.  

“Si invita la cittadinanza, che ha bisogno di prenotare o di informazioni sulla meningite, a utilizzare la posta elettronica, il fax, il sito aziendale e la pagina aziendale Facebook dell’Ulss4 che verrà costantemente aggiornata su questo argomento”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento