Cronaca Mestre Centro

Un migrante multato per aver pulito la strada senza autorizzazione

L'uomo spiega di agire «per integrarsi». La sua azione, però, è stata giudicata illegittima dalla polizia locale di Mestre

Ha pulito volontariamente i marciapiedi e le strade di Mestre con la propria scopa, motivando il gesto con l'intenzione di integrarsi in città. Ma l'azione di Monday, un nordafricano, ha incontrato l'avversione della polizia locale, che lo ha multato per 350 euro. Perché, recita il verbale, «sorpreso palesemente a ripulire la zona senza alcuna autorizzazione».

Dietrofront poche ore dopo: multa ritirata

Pulizie per integrarsi

Molti sono rimasti perplessi alla notizia, a partire dall'avvocato Matteo D'Angelo che, dubitando di una possibile impugnazione della multa, ha lanciato una sottoscrizione per Monday, già accolta dai social. Ben diverso - scrive l'Ansa - l'atteggiamento dei vigili di Padova, che non hanno impedito a due migranti di fare lo stesso servizio di Monday vicino alla Basilica del Santo, anch'essi con lo stesso scopo. Il cartello che Monday espone mentre mette le foglie nei sacchetti neri, indossando un gilet catarifrangente (tutto comperato a sue spese), riporta: per «integrasi nella società senza chiedere l'elemosina». E Monday spera, come i due "colleghi padovani", nelle offerte dei passanti. Nelle ore successive la polizia locale ha deciso di ritirare la multa.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un migrante multato per aver pulito la strada senza autorizzazione

VeneziaToday è in caricamento