Rumori dal cassone del camion a Marghera: una volta aperto spuntano quattro migranti

Intervento di carabinieri e 118 martedì sera in una laterale vicina alla Fincantieri. Erano 3 migranti afghani e 1 pachistano. Si trovavano tutti in buone condizioni. Conducente ignaro

La segnalazione è scattata martedì sera, in corrispondenza di una strada laterale nelle vicinanze della Fincantieri di Porto Marghera: a un certo punto dal rimorchio di un camion partito dall'Est Europa e giunto nel Veneziano via terra sono stati uditi alcuni lamenti o rumori inusuali. Per far luce sulla vicenda sono intervenuti i carabinieri della compagnia di Mestre, che, una volta aperto il portellone del mezzo pesante, hanno individuato quattro migranti, appena maggiorenni. Erano stremati per il lungo viaggio attraverso la Macedonia e i Balcani, ma comunque si trovavano in buone condizioni di salute.

Controlli all'Angelo

Si tratta di tre cittadini afghani e uno pachistano, che subito sono stati trasportati all'ospedale dell'Angelo per accertamenti. Parlavano in un inglese stentato, ma dai loro racconti non sarebbero state ravvisate responsabilità da parte del conducente, che ha spiegato di non essersi accorto di nulla fino a quel momento. Al termine delle visite mediche è stato spiegato ai migranti di avere cinque giorni di tempo per presentarsi alla questura di Marghera, negli Uffici immigrazione, per regolarizzare la propria posizione presentando la richiesta di asilo politico per motivi umanitari. Se non succederà diventeranno irregolari sul territorio nazionale.

Non il primo caso del genere

Non il primo caso del genere nel Veneziano, dove a più riprese le forze dell'ordine sono dovute intervenire per profughi che hanno intrapreso il viaggio della speranza o a bordo dei traghetti che partono dalla Grecia alla volta di Fusina, o nascondendosi su camion che percorrono migliaia di chilometri per raggiungere il Belpaese via autostrada. In alcuni casi, purtroppo, queste traversate hanno avuto anche esiti tragici. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I benefici della cyclette, un attrezzo per tornare in forma in poco tempo

  • Il bar di Venezia che riapre con tutti gli impianti a prova di acqua alta

  • Auto esce di strada e finisce contro un platano, morta una 38enne

  • Controlli a tappeto nel Veneziano, quattro arresti

  • Volo dell’Angelo 2020, Venezia è pronta

  • Cardiologie aperte: screening e visite gratuite all'ospedale di Mirano

Torna su
VeneziaToday è in caricamento