menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Comandante minacciato dall'abusivo: "Sono già stato in galera e sono pronto a tornarci"

Controlli sul litorale di Jesolo nel weekend: un venditore irregolare si è rivolto con toni minacciosi al capo della polizia locale, è stato denunciato. Merce sequestrata

Il comandante della polizia municipale di Jesolo, Claudio Vanin, minacciato da un venditore ambulante abusivo fermato per un controllo sull’arenile. E' successo nel weekend appena concluso, che ha visto la località balneare presa d'assalto dai pendolari in astinenza da tintarella, mare e sole. Gli agenti sono stati impegnati nei pattugliamenti per combattere le vendita di prodotti contraffatti, ed è proprio nel corso di uno di questi controlli che è stato fermato un venditore ambulante senegalese di 52 anni, notato a proporre ai bagnanti della merce all’altezza dell’hotel Europa.

Alla vista degli agenti l’immigrato ha cercato di far perdere le sue tracce mescolandosi tra la gente: ne è scaturito un pedinamento proseguito per alcuni minuti che si è concluso su una panchina davanti all’hotel Agorà dove solitamente i venditori ambulanti stendono la merce per proporla ai turisti. In questo caso, però, il senegalese, si è seduto senza avere apparentemente nulla con sé: la merce, infatti, era riuscito ad occultarla sotto un pedalò poco distante, per evitare il sequestro. Il tutto comunque sempre sotto gli occhi degli agenti della Municipale.

L'uomo è stato raggiunto dagli uomini in divisa, tra cui il comandante Claudio Vanin, che gli hanno chiesto documenti e generalità. A questa domanda, però, ha risposto rivolgendosi con fare minaccioso nei confronti del comandante: gli ha puntato il dito contro, coprendolo di insulti e raccontando di essere già stato in galera e di essere pronto a tornarci. Portata un po’ di calma il 52enne è stato denunciato per resistenza, oltraggio e minacce a pubblico ufficiale e per vendita di merce contraffatta.

Sempre domenica mattina durante i normali controlli di polizia stradale è stato fermato un motociclista di san Donà di Piave in sella ad una Harley Davidson, che ad un accurato controllo si è scoperto indossasse un casco non omologato. Di conseguenza è scattata la sanzione amministrativa di circa 80 euro, oltre al sequestro del casco ed il fermo della moto per due mesi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento