menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rubano petrolio e minacciano i dirigenti Eni: 10 indagati

Il gruppo di delinquenti avrebbe inviato lettere minatorie ai vertici dell'azienda, oltre ad aver rubato tonnellate di petrolio da un deposito

La Digos della questura di Venezia, con il coordinamento della Dcpp/Ucigos, sta eseguendo dalle prime ore di mercoledì 8 aprile 10 ordinanze di custodia cautelare e 20 decreti di perquisizione domiciliare in diverse città del Veneto.

MINACCE E BOTTE - Sotto accusa è finito un gruppo di italiani che oltre ad aver minacciato i vertici dell'Eni aveva organizzato e perfezionato un meccanismo sistematico di asportazione di migliaia di tonnellate di prodotto petrolifero da un deposito costiero dello stesso gruppo. L'indagine è nata dall'invio, nel 2011, di lettere incendiarie e minatorie ai vertici aziendali della PetrovenSpa e dell'Eni. L'organizzazione si sarebbe inoltre resa responsabile di un brutale pestaggio e una rapina ai danni di un autotrasportatore sospettato di essersi confidato con l'azienda e agli inquirenti.

(ANSA)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sciopero generale, Sgb incrocia le braccia per 24 ore nei trasporti

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    L'annuncio di Zaia: «È ufficiale, il Veneto da lunedì in zona arancione»

  • Politica

    Affidato all'Europa il salvataggio delle dune degli Alberoni

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento