Minacce e violenze alla moglie per anni: arrestato

L'uomo, 36enne albanese di Sacile, è stato bloccato dai carabinieri di Spinea

Per anni aveva sottoposto l'ex moglie a tutta una serie di maltrattamenti fisici, arrivando fino alla tentata violenza sessuale. Lunedì sera, i carabinieri di Spinea hanno stretto le manette ai polsi a L.V., 36enne albanese di Sacile, su disposizione del giudice.

I maltrattamenti

I maltrattamenti cominciarono nel 2014. Pugni e schiaffi in faccia e su tutto il corpo, ma anche umiliazioni di vario genere. In più di una circostanza l'uomo aveva minacciato la donna di andarsene di casa con il figlio minore; un'altra volta l'aveva costretta ad avere un rapporto sessuale contro la sua volontà. Per sfuggire alle furia del marito, di tanto in tanto la donna si rifugiava anche dai vicini di casa.

Ricoverato

Nei primi giorni di luglio i carabinieri erano già intervenuti nell'abitazione di Spinea, a seguito delle segnalazioni allarmate dei vicini. L'uomo, all'arrivo delle forze dell'ordine, si trovava in un forte stato confusionale e minacciava atti di autolesionismo. Bloccato dai militari, era stato condotto dal personale del 118 al pronto soccorso e poi visitato nel reparto di Psichiatria dell'ospedale di Dolo. Attualmente si trova in carcere a Santa Maria Maggiore, a disposizione dell'autorità giudiziaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: novità per le attività commerciali e limitazioni in vigore

  • Il Veneto resta giallo? Zaia: «Dipendiamo da Rt, ma non abbiamo demeriti per cambiare zona»

  • Natale con congiunti ma senza abbracci: le regole per cenone e veglione di Capodanno

  • Domani si decide sul colore del Veneto, Zaia: «Pressione su ospedali, ma tutto sotto controllo»

  • Domani nuova ordinanza in Veneto, Zaia: «Misure per garantire la salute pubblica»

  • Coronavirus, il prossimo mese il Veneto potrebbe essere area a rischio elevato

Torna su
VeneziaToday è in caricamento