Chiama il 113 e minaccia di buttarsi, ma l'operatore lo dissuade: un 47enne in salvo

È successo nel tardo pomeriggio di martedì al Lido di Venezia. Uomo soccorso dagli agenti di polizia e dal personale del 118. Determinanti le parole dell'addetto in sala radio

La professionalità e l'umanità dell'operatore telefonico si sono rivelate fondamentali per convincere una persona a frenare i suoi intenti sconsiderati e rinsavire. Erano le 18 di martedì quando al 113 è giunta la telefonata di un uomo che manifestava l’intenzione di togliersi la vita gettandosi dal ponte delle Quattro Fontane al Lido di Venezia. Ha comunicato il proprio nome e cognome, dopodiché ha interrotto improvvisamente la chiamata.

Mezz'ora al telefono

Prontamente l’operatore radio lo ha ricontattato e gli ha parlato, tenendolo impegnato al cellulare, conquistando la sua fiducia ed evitando così che portasse a compimento il suo intento suicida. L'intervento, lungo e delicato, ha visto impegnato il poliziotto per circa mezz’ora. Alla fine l'agente è riuscito a convincerlo a recarsi negli uffici di polizia di via Dardanelli, non distanti dal luogo in cui era iniziata la telefonata. Giunto sul posto, il quarantasettenne è stato preso in cura dal personale in divisa e dai sanitari del 118.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Poca neve a Venezia, poi la pioggia

  • Un bambino sparito dopo scuola è stato ritrovato dopo ore di ricerche

  • Contro un albero e giù nel fosso: muore un 43enne

  • Trovato il corpo senza vita di Paolo Tramontini

  • Il sindaco Brugnaro risponde alle polemiche di Celentano: «L'ho invitato qui»

  • Violento scontro fra furgone e trebbiatrice sulla Triestina

Torna su
VeneziaToday è in caricamento