menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Miss Italia, sfilata con minuto di silenzio per ricordare le vittime del terremoto

Presentata lunedì l'edizione 2016 della kermesse. Si è deciso di confermare la presentazione delle partecipanti. Apriranno il corteo miss Marche e miss Lazio

Le ragazze di Miss Italia giunte a Jesolo per le prefinali nazionali sfileranno lunedì sera per le vie della località con il pensiero rivolto alle vittime del terremoto e a tutti coloro che ne soffrono le terribili conseguenze: il sindaco Valerio Zoggia e Patrizia Mirigliani hanno infatti deciso di non rinunciare alla tradizionale parata delle miss le quali, una volta raggiunta piazza Milano, dopo essere partite da piazza Torino, si schiereranno sul palco per osservare un minuto di raccoglimento. In testa, con le bandiere delle loro regioni, si posizioneranno le miss del Lazio e delle Marche, fra le più colpite dal terremoto.

«Abbiamo riflettuto – ha detto la patron Mirigliani durante un incontro con la stampa svoltosi nella terrazza dell’Hotel Parioli - sull'opportunità o meno di presentare le miss in tono minore, ma abbiamo ritenuto che tutto dovesse svolgersi regolarmente: è giusto che il percorso che per tutta l'estate ha impegnato migliaia di ragazze e la stessa organizzazione di Miss Italia giunga alla sua normale conclusione. Jesolo è poi affollata di turisti i quali, insieme alla cittadinanza, aspettano questo momento».

«Che cosa avverrà del futuro di Miss Italia a Jesolo è un argomento di cui parlerò solamente dopo la finalissima del 10 settembre – ha quindi aggiunto il sindaco Valerio Zoggia – Adesso godiamoci questa edizione numero 77 e concentriamoci per arrivare al traguardo nel miglior modo possibile. Dopo Giulia Arena, Clarissa Marchese e Alice Sabatini mi auguro qualcosa in più per il Veneto che è arrivato secondo in due edizioni ma l’importante è che la Miss rappresenti tutta l’Italia. Come avvenuto in occasione dello spettacolo dedicato alle acrobazie delle Frecce Tricolori, d’accordo con Patrizia Mirigliani, anche nei giorni del concorso proseguirà la raccolta fondi promossa dal Comune a favore dei popoli colpiti dal terremoto. Abbiamo deciso di proseguire fino all’11 di settembre e poi consegnare la somma al vescovo di Ascoli Piceno, cardinale Giovanni D’Ercole, amico di Jesolo». 

Alice Sabatini, Miss Italia 2015, ha ricordato la notte del terremoto nelle Marche, dove si trovava, e ha parlato del suo anno da reginetta: «Un’esperienza straordinaria della quale ringrazio di cuore Patrizia Mirigliani per tutte le opportunità che ha saputo offrirmi». E’ stata annunciata poi l’apertura a Jesolo – il 6 settembre – di “Casa Miss Italia”, realizzata dal “Gruppo Eventi”, lo stesso consorzio presieduto da Vincenzo Russolillo cui è affidata la produzione delle tre serate televisive (le due anteprime dell’8 e del 9 settembre e la finale del 10).

Lunedì sono arrivati anche i sette componenti della commissione tecnica presieduta dalla regista Cinzia Th Torrini e composta da professionisti di primo piano dell'immagine e della bellezza: Enzo Miccio, Pino Pellegrino, Rosanna Lambertucci, Federica Moro, Elvia Grazie e Veronica Maya. Saranno al lavoro per tre giorni per portare il numero delle miss da 214 a 40 finaliste e torneranno alla finale per dare il loro contributo alla scelta di Miss Italia 2016. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento