Cronaca

Redentore, si mette in moto la macchina della sicurezza all'insegna di "safety" e "security"

Prima riunione martedì negli uffici della questura di Venezia, alla presenza di questore e forze dell'ordine. Nei prossimi giorni sopralluoghi preventivi nei luoghi della manifestazione

La macchina della sicurezza comincia a mettersi in moto, e questura e prefettura sembrano essere sulla stessa lunghezza d'onda, ossia quella di garantire "security" e "safety". In una sola parola, la sicurezza. Si è svolta martedì mattina negli uffici della Questura di Venezia la riunione tecnica preventiva per la pianificazione dei servizi di ordine e sicurezza pubblica in occasione della prossima festa votiva del “Santissimo Redentore”, che si svolgerà in laguna nei giorni 15 e 16 luglio. A presiedere il tavolo tecnico il questore Vito Gagliardi, alla presenza di una rappresentanza dei comandi provinciali dell’Arma dei carabinieri, della guardia di finanza, della capitaneria di porto e dei vigili del fuoco, nonché del comandante della polizia locale Marco Agostini e del direttore generale dell’Ulss 3 Giuseppe Dal Ben.

Si è trattato di un primo incontro nel corso del quale sono state illustrate e delineate le linee di priorità a cui la manifestazione dovrà essere approntata e più precisamente agli aspetti di “safety” e “security”. Nel primo caso al vaglio del questore sono i dispositivi e le misure strutturali a salvaguardia dell’incolumità delle persone, mentre nel secondo sono state analizzate le migliori strategie operative da individuare e adottare. Non è escluso che queste esigenze, comportino l’adozione ed applicazione di misure straordinarie, a tutela in primis della popolazione, dei numerosi turisti ed ospiti che parteciperanno alla storica celebrazione, come pure a garanzia della conservazione del ricco patrimonio storico e monumentale della città.

Probabili le misure straordinarie, per garantire la sicurezza. Ecco perché compito del questore sarà quello di valutare e sacrificare al minimo i disagi che potrebbero derivare alla popolazione. Seguiranno nei prossimi giorni sopralluoghi preventivi nelle aree interessate dalla manifestazione, nel corso dei quali saranno accertate imprescindibilmente tutte le condizioni di sicurezza per una gestione a tutto campo dei servizi di ordine pubblico. “In un contesto di sicurezza integrata - fa sapere Gagliardi - le misure che saranno adottate in ambito urbano saranno partecipate in tempo utile alla popolazione, anche attraverso la stampa locale”.

Si era dimostrato sulla stessa lunghezza d'onda anche il prefetto di Venezia, Carlo Boffi: "Stiamo ragionando sulla gestione della folla - aveva dichiarato - predisponendo delle vie di fuga e cercando di creare corridoi e settori. Questo sia in Bacino di San Marco, sia sulle rive. Obiettivo ammortizzare eventuali movimenti inconsulti". Lo scopo è anche evitare ciò che è accaduto a Torino: per questo motivo sarà predisposto a breve un tavolo tecnico per iniziare a ragionare sulla grande macchina che soggiace al Redentore: "L'organizzazione è oliata - aveva concluso il prefetto - ci stiamo occupando della sicurezza a 360 gradi per la riuscita dell'evento".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Redentore, si mette in moto la macchina della sicurezza all'insegna di "safety" e "security"

VeneziaToday è in caricamento