Cronaca

Molestie telefoniche per 11 mesi Lo stalker era un manager di Mira

Una donna residente nel Padovano è stata costretta a cambiare vita dopo esser stata a lungo perseguitata da un uomo conosciuto per lavoro

L’ha conosciuta durante un incontro di lavoro, si è subito invaghito e da quel momento non l’ha più lasciata in pace. Le telefonava, le mandava sms, la chiamava per nome e faceva intendere che si stava masturbando pensando a lei. Il cellulare della donna squillava di continuo, per undici lunghissimi mesi, ma il suo stalker non si è mai palesato. E’ sempre rimasto anonimo, fino a quando non è stato smascherato dai carabinieri. Come riporta Il Gazzettino, le forze dell’ordine hanno rintracciato un 35enne residente a Mira. E’ un manager con un’azienda a Parigi, e con la fissa di quella donna di origine genovese ma residente nel Padovano.

I carabinieri dopo aver ricevuto la denuncia hanno messo sotto controllo il telefono della donna e in pochissimo tempo sono risaliti al molestatore. L’episodio risale agli anni 2009 e 2010, ora il manager è accusato del reato di atti persecutori ed è stato rinviato a giudizio.

La vittima, difesa da un legale padovano, era rimasta talmente scioccata che ha scelto di cambiare vita. Non solo aveva rinunciato ad uscire la sera per paura di essere pedinata e aggredita, ma addirittura è tornata nella sua città d’origine. Non dormiva la notte, era stravolta dall’ansia, temeva di trovarsi lo stalker sotto casa da un momento all’altro. Ora, invece, probabilmente lo rivedrà in tribunale.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Molestie telefoniche per 11 mesi Lo stalker era un manager di Mira

VeneziaToday è in caricamento