Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Il mondo in una perla", in un prezioso volume tutte le caratteristiche delle perle di Murano

Venerdì, nel salone da Ballo del Museo Correr, presentato il volume di Augusto Panini ‘Il mondo in una perla. La collezione del Museo del Vetro di Murano’ (Edizioni Antiga, 2017)

 

Il ricco tomo è il risultato di un meticoloso lavoro di ricerca, durato oltre cinque anni, di Augusto Panini – appassionato collezionista di perle, autore e curatore di esposizioni a tema – e rappresenta un’emozionante ‘incursione’ all’interno della preziosa collezione di perle di vetro del Museo di Murano. Documentato da oltre mille straordinarie immagini, questo fondamentale studio permetterà sia al lettore comune che agli specialisti di addentrarsi nell’essenza stessa di questa affascinante produzione.

Raccolta tra il 1861 ed il 1883 dall’abate Vincenzo Zanetti e rappresentativa della produzione ottocentesca veneziana e muranese, nel corso degli anni Trenta del Novecento la collezione di perle venne progressivamente rimossa dalle vetrine del museo e relegata nei depositi laddove si perdono le informazioni relative alle attribuzioni dei singoli pezzi e quelli delle cartelle campionarie.

Dopo quasi cent’anni di ‘oblio’ la collezione, un cui consistente focus sulle perle veneziane e le murrine è stato inserito in una sala del rinnovato museo appositamente dedicata al tema - su input dello stesso Panini, che l’aveva nel frattempo acquisita - è divenuta oggetto di studio, anche in prospettiva di una sua adeguata ricollocazione espositiva.

Partendo dai saggi scritti dall’abate Zanetti sulle collezioni del Museo del Vetro - realizzati in occasione di Esposizioni internazionali o per documentare le scoperte che valenti vetrai avevano sviluppato nella prima metà del 1800 – Augusto Panini è riuscito dunque a ricostruire attribuzioni e paternità, contribuendo in maniera decisiva a riportare questi straordinari oggetti all’attenzione che meritano.

La collezione di perle del Museo del Vetro di Murano è oggi costituita da 85 cartelle campionarie, contenenti 14.000 perle, oltre che da tre pannelli in stoffa datati 1863, dono della Società delle Fabbriche Unite, contenenti 2015 perle e da 266 mazzette di conterie, 91 mazzi di perle a lume più o meno completi, oltre 8.000 di perle sciolte, 492 mazzi di conterie e qualche ulteriore oggetto con perle, dono delle più importanti vetrerie veneziane e muranesi attive nella metà dell’800.

Potrebbe Interessarti

Torna su
VeneziaToday è in caricamento