menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Monica Busetto si è sempre dichiarata innocente

Monica Busetto si è sempre dichiarata innocente

Delitto Pamio, Monica Busetto condannata a 25 anni in appello

La Corte d'Assise d'Appello di Venezia si è espressa mercoledì sull'ex operatrice socio-sanitaria veneziana accusata di aver ucciso Lido Taffi Pamio nel 2012 a Mestre

Venticinque anni di reclusione. E' la sentenza stabilita mercoledì mattina dalla Corte d'Assise d'Appello di Venezia nei confronti di Monica Musetto, l’ex operatrice socio-sanitaria accusata, in concorso con Susanna «Milly» Lazzarini, di aver ucciso la vicina di casa Lida Taffi Pamio. La vittima, colpita a coltellate e strangolata con il cavo del decoder, è morta il 20 dicembre del 2012 nel suo appartamento in viale Vespucci a Mestre. 

Busetto, che si è sempre dichiarata innocente, era accusata di omicidio volontario aggravato dall’efferatezza e crudeltà e dai futili motivi e in primo grado era stata condannata a 24 anni e sei mesi. La pena, con il primo appello, si era poi aggravata nell'ergastolo. La Cassazione successivamente aveva cancellato la sentenza limitatamente all’aggravante dei futili motivi e rinviato la decisione ai giudici della Corte d’Assise d’Appello che, adesso, hanno escluso l’aggravante. A Busetto, rappresentata dagli avvocati Alessandro Doglioni e Stefano Busetto, non sono state riconosciute le attenuanti generiche. La difesa annuncia un nuovo ricorso in Cassazione.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Sì al turismo, «strategico per la ripresa economica». Adesioni di cittadini e operatori

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento