menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Duomo di Chioggia

Duomo di Chioggia

«Spadroneggiano, minacciano. Nessuno fa niente». Vescovo di Chioggia: «Non c'è tutela»

Monsignor Adriano Tessarollo confida su Facebook il resoconto degli incontri con la "banda". «Giovani violenti conosciuti da tutti, in Riva Vena, in zona ponte Zitelle. Tutti sanno e non osano parlare». Il sindacato di polizia: «Si potenzi il commissariato»

Quindi gli atteggiamenti intimidatori sarebbero continuati, al punto da portare monsignor Adriano Tessarollo, vescovo di Chioggia, a raccontare sul proprio profilo Fecebook, «i soliti insulti e la minaccia: la pagherai cara», a lui e al parroco della cattedrale, sabato pomeriggio. «Sotto i portici ci piomba (addosso ndr) dietro a un altro della banda, io prendo il ponte e dico che non ho paura - scrive - Questi sanno che sono padroni della situazione e dei loro affari», scrive sabato pomeriggio Tessarollo. 

Si era sfogato appena un giorno prima il vescovo, sempre sul social, descrivendo chiaramente le angherie. «Il centro di Chioggia è insicuro: giovani violenti conosciuti da tutti, in Riva Vena, in zona ponte Zitelle. Tutti sanno e non osano parlare - si legge sul profilo del monsignore -. Ieri sera passa un sacerdote e viene molestato, tentano di strappargli la Bibbia. Oggi passa il vescovo e si prende del pedofilo, e questi sguazzano liberamente, mai un vigile che passa, la polizia, ti dicono che c'è una pattuglia sola e non possono fare niente.Carabinieri: chiami e ora che vengono questi si ritirano in casa. Ripeto, tutti sanno e nessuno fa niente, che vergogna. Quale tutela?».

Per il sindacato di polizia Fsp del Veneto, «gli agenti ci sono e fanno il loro dovere». Commenta Mauro Armelao, segretario della sigla: «capisco la rabbia del vescovo di Chioggia che purtroppo ha toccato con mano e in prima persona una situazione di non facile, non per colpa della polizia, ma per strumenti normativi insufficienti. Chiediamo a gran voce che il sindaco convochi in prefettura un comitato provinciale per l’ordine e la sicurezza pubblica e che si decida il potenziamento del commissariato con almeno di 5 agenti in più di rinforzo alle volanti. Deve esserci una collaborazione di tutte le istituzioni: Comune, servizi sociali, sanità e forze dell’ordine, che in caso di repressione devono poter contare su strutture ad hoc, non solo il carcere, perché non sempre i responsabili sono da arrestare, a volte da curare e recuperare. A Monsignor Tessarollo - conclude Armelao - va tutta la mia solidarietà e vicinanza, così come ai residenti ed esercenti di Riva Vena».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Estate 2021, Ryanair annuncia 65 nuove rotte dal Veneto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento