Morde un cameriere e una edicolante, poi scappa a 100 all'ora

Folle scorribanda di una 42enne veneziana, ubriaca: è stata fermata dalla polizia locale dopo un pericoloso inseguimento concluso nella zona della Fiera di Santa Lucia di Piave

Polizia locale (archivio)

Prima ha morso un cameriere, in un bar di San Polo di Piave (Treviso), poi ha danneggiato il muro di una fioreria a Mareno, mordendo una negoziante e infine ha dato vita ad un rocambolesco inseguimento che ha coinvolto i carabinieri e la polizia locale di Conegliano. La protagonista di questa folle scorribanda è stata E.G., 42 anni, veneziana. Per lei, al volante di una Fiat 500 pur avendo la patente sospesa per gravi problemi con l'alcool, scatteranno una lunga serie di verbali per decine di infrazioni, oltre ad una sequela di denunce alla Procura di Treviso che vanno dalla guida in stato di ebrezza (si è rifiutata di sottoporsi all'alcooltest) alla resistenza a pubblico ufficiale.

Dopo il morso al cameriere, con cui aveva avuto un diverbio, un primo allarme era stato lanciato ai carabinieri che hanno coinvolto nelle ricerche della donna anche la polizia locale: un'automobilista, in quelle condizioni psico-fisiche rappresentava del resto un pericolo per se stessa ma soprattutto per gli altri automobilisti. Alle 16.30 la 42enne viene avvistata a Bocca di Strada, nel Comune di Mareno di Piave. Dopo aver percorso la rotonda che collega Mareno al comune di Santa Lucia di Piave, la Fiat 500 grigia guidata dalla donna è finita contro il muro della fioreria “Millefiori idee creative” causando alcuni danni. La titolare, sentito il colpo, è uscita dal negozio e ha cercato di chiedere spiegazioni alla 42enne. Ne è nato un parapiglia in cui è rimasta coinvolta, suo malgrado, anche la proprietaria della vicina edicola “Amicizia” che ha raggiunto le due donne e ha avuto la cattiva pensata di intromettersi. 

Prima di dileguarsi, la 42enne avrebbe infatti lanciato 15 euro (come risarcimento per il danno) alla fiorista e morso al braccio destro l'edicolante (si è poi recata presso il pronto soccorso dell'ospedale di Conegliano per essere medicata). Le pattuglie della polizia locale, intercettata l'auto, hanno dato vita ad un rocambolesco inseguimento al fulmicotone, con la donna che si è esibita in sorpassi a 100 km/h ad increduli automobilisti. La sua fuga è terminata nella zona della Fiera di Santa Lucia di Piave quando, circondata, è stata costretta a fermarsi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova ordinanza in Veneto: novità per le attività commerciali e limitazioni in vigore

  • Natale con congiunti ma senza abbracci: le regole per cenone e veglione di Capodanno

  • Domani nuova ordinanza in Veneto, Zaia: «Misure per garantire la salute pubblica»

  • Perché conviene stendere il bucato all'aperto anche in inverno

  • Coronavirus, il prossimo mese il Veneto potrebbe essere area a rischio elevato

  • Venezia fa il pieno di stelle Michelin, 8 i ristoranti premiati

Torna su
VeneziaToday è in caricamento