menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Morta donna investita a Concordia Sagittaria il 5 gennaio scorso, ordinata autopsia su corpo

Adriana Falcomer, 67 anni, attraversava sulle strisce pedonali quando è stata travolta. Sul suo decesso, a un mese dall'accaduto, i magistrati vogliono fare chiarezza. Funerali bloccati

Stava attraversando la strada per raggiungere un ufficio postale Adriana Falcomer, la 67enne di Concordia Sagittaria travolta sulle strisce pedonali il 5 gennaio scorso e morta l'8 febbraio, poco più di un mese dopo l'accaduto. Il fatto è riportato dai giornali locali. Sul suo decesso i magistrati vogliono fare chiarezza, dopo la segnalazione da parte della polizia locale di Portogruaro, che eseguì i rilievi dell’incidente.

La donna, ricoverata all'ospedale di Portogruaro, venne dimessa l'11 gennaio, con la prescrizione di sottoporsi ad un controllo e ad una Tac: esami compiuti nei primi giorni di febbraio, poco prima della sua morte. Il corpo della 67enne, secondo quanto disposto dalla magistratura, sarà sottoposto ad autopsia martedì prossimo a Portogruaro, mentre i funerali sono stati bloccati.

I famigliari chiedono di sapere se esista un nesso tra l'incidente stradale e la morte della donna. Dopo essere stata travolta il 5 gennaio, Adriana Falcomer venne ricoverata in prognosi riservata all'ospedale di Portogruaro e dimessa l'11 gennaio con la raccomandazione di eseguire una Tac. I magistrati ora intendono stabilire se ci sia un legame tra il decesso successivo della Falcomer e l'investimento.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'agriturismo di Jesolo in cui sono allevati 200 struzzi

Attualità

La Casa dei Tre Oci va al gruppo Berggruen Institute

Attualità

Caldo anomalo, temperature record per febbraio

Ultime di Oggi
  • Attualità

    L'assist del comandante: «Sì alle uscite nel rispetto delle regole»

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • social

    Perché San Valentino è la festa degli innamorati?

Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento