menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Incidente fatale, ciclista di Robegano investito da un camion rimorchio: inutili i soccorsi

Lo schianto verso le 11 di sabato tra Salzano e Noale. Sul posto 118, 115, carabinieri e polizia locale. La vittima, Raffaello Trevisan, 74enne, era molto ben voluta in paese

Un terribile incidente, in un incrocio maledetto. Un impatto che non ha lasciato scampo ad un ciclista quello di sabato mattina, poco dopo le 11 all’incrocio della trattoria "Al Ponte" tra Noale e Salzano: un camion con rimorchio proveniente da Scorzè avrebbe svoltato a destra, in direzione di via Mestrina, non avvedendosi della presenza di un Raffaello Trevisan, 74enne residente a Robegano: la vittima sarebbe stata scaraventata a terra, mentre la bici è rimasta incastrata sotto il mezzo. Inutile l'intervento dei soccorsi, per lui non c'è stato nulla da fare.

"RAFFAELLO ERA IL MIGLIORE: UN ARTISTA E UN GENEROSO"

Immediato è stato l'intervento del Suem, ma ai sanitari non è restato altro che constatarne la morte. Sul posto si sono portati a stretto giro di posta carabinieri, polizia locale e vigili del fuoco. Sono spettati agli uomini della Municipale i rilievi del caso sulla scena dell'incidente: l'inizio di via Mestrina è stato bloccato al traffico con il nastro bianco e rosso, per permettere le operazioni delle forze dell'ordine ed il recupero della salma. Il camion, un autotreno che trasportava rottami, è stato sequestrato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La vittima, originaria di San Donà ma residente da tempo a Robegano, era un collaboratore attivo della parrocchia, dove suonava anche l'organo. "Era conosciuto, ed attivissimo per la comunità - ha commentato don Filippo Facchin, il parrocco di Robegano, che si è portato sul posto - Era anche un artista, aveva creato le statuine per il presepe parrocchiale". Molto noto in paese, era anche impegnato in programmi umanitari in Sudamerica. Trevisan era un ex agente di polizia municipale che ha lavorato per il Corpo di Venezia. Una volta in pensione, ha continuato a mantenersi attivo. Sempre in giro con la sua bicicletta. "Era il più buono di tutti - raccontano i parenti più stretti, che una volta venuti a conoscenza della tragedia hanno raggiunto l'incrocio maledetto - Non dimostrava l'età che aveva ed era sempre pronto ad aiutare gli altri".

Inevitabili le ripercussioni che si sono generate sul traffico a seguito dell'incidente. Agli agenti della polizia locale anche il compito di direzionare le automobili incolonnate, in particolar modo quelle provenienti da Scorzè: via Mestrina è un'arteria piuttosto trafficata, ecco perché non è trascorso molto tempo prima che la normale circolazione andasse in tilt. Subito sono tornate a divampare le polemiche sulla sicurezza del crocevia, non nuovo a incidenti anche dall'esito mortale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Estate 2021, Ryanair annuncia 65 nuove rotte dal Veneto

Attualità

I volontari si prendono cura del forte Tron

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento