menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La tragedia di Scorzè: giovedì l'autopsia su Tosatto, rilievi anche da parte dello Spisal

La Procura intende non lasciare nulla di intentato dopo la morte del 61enne per un probabile incidente domestico. La vittima è stata colpita dalle schegge della sega della smerigliatrice

Sarà eseguita giovedì mattina l'autopsia dopo la morte di Franco Tosatto, il 61enne di Scorzè deceduto a causa delle ferite riportate da alcune schegge partite dalla lama della sua smerigliatrice, che si sarebbe letteralmente disintegrata mentre martedì mattina la vittima era impegnata in alcuni lavoretti domestici durante i giorni di ferie.

Gli inquirenti tendono a escludere che possano esserci "colpi di scena" nella ricostruzione della dinamica della tragedia, ma non intendono lasciare nulla di intentato. Per questo motivo non solo sul posto martedì è stato eseguito un accurato sopralluogo da parte dei militari dell'Arma, ma anche degli ispettori dello Spisal dell'Ulss 3 Serenissima. Per accertare che tipo di strumento stesse usando Tosatto (definito come "artigianale") e capire il motivo per cui sarebbero partite le schegge. Veloci come proiettili.

L'esame autoptico sarà eseguito dal medico legale Andrea Porzionato, dopodiché con ogni probabilità arriverà il nulla osta per le esequie. Il primo a lanciare l'allarme, accorgendosi del padre a terra in una pozza di sangue, è stato uno dei due figli della vittima, che si trovava con lui nel garage ma non avrebbe assistito alla scena. Intanto a Cappella di Scorzè si è sparsa subito la voce su quanto accaduto: è profondo il cordoglio tra i vicini di via Tito Speri per la perdita di Franco Tosatto, una persona molto ben voluta anche tra i colleghi di lavoro dello stabilimento San Benedetto di Paese, nel Trevigiano. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento