rotate-mobile
Cronaca

La morte di Rita Levi Montalcini, il cordoglio del Veneto

"Ho avuto la fortuna di conoscere personalmente e di poter frequentare in varie occasioni, l'ultima da ministro al vertice Fao di Roma, una figura e una donna straordinaria". Con queste parole il presidente del Veneto Luca Zaia ricorda la figura del premio Nobel

“Ho avuto la fortuna di conoscere personalmente e di poter frequentare in varie occasioni, l’ultima da ministro al vertice Fao di Roma, una figura e una donna straordinaria come Rita Levi Montalcini. La sua scomparsa costituisce una perdita inestimabile per l’umanità. Esprimo il più profondo cordoglio della Regione del Veneto e mio personale”. Con queste parole il presidente del Veneto Luca Zaia ricorda la figura di Rita Levi Montalcini.

“La notizia della sua morte – aggiunge Zaia – mi ha profondamente colpito, così come mi colpirono, quando la incontrai, l’altissimo profilo intellettuale, l’energia, l’apertura mentale e la vivacità intellettuale di una persona tanto anziana per età, ma così giovane nel pensare e nell’agire”. “Non è stata solo una straordinaria scienziata – prosegue Zaia – ma anche una figura moderna ed emancipata, un grande simbolo per l’emancipazione della donna in generale. La sua opera ed il suo pensiero – conclude Zaia – siano d’esempio per tutti i giovani, quei giovani nei quali Rita Levi Montalcini ha sempre creduto e ai quali ha rivolto tante energie positive”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La morte di Rita Levi Montalcini, il cordoglio del Veneto

VeneziaToday è in caricamento