menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Otello Capeleto (foto da Facebook)

Otello Capeleto (foto da Facebook)

L'albergatore Otello Capeleto muore per un malore durante il jogging

Il costruttore e imprenditore jesolano era uscito a correre intorno alle 17 di sabato. Grande il dolore dei famigliari e dei colleghi del settore

Un malore improvviso durante il jogging serale, il cuore che in pochi minuti ha smesso di battere. Senza preavviso. Così si è spento, sabato sera, Otello Capeleto, 60 anni, noto imprenditore edile e albergatore di Jesolo. Stando a quanto riportano i quotidiani locali l'uomo era uscito di casa per il consueto allenamento serale, ma il suo fisico ha ceduto lungo la strada. Grande il dolore dei famigliari, degli amici e dei colleghi

MALORE IN STRADA – Capeleto era uscito in strada intorno alle 17.30, scarpe da tennis ai piedi e tuta da ginnastica addosso. Ha percorso i primi passi lungo via Sant'Antonio, dietro al palazzo municipale di Jesolo Paese, procedendo a velocità moderata, per scaldare i muscoli. Arrivato in via Roma destra il 60enne si è sentito male ed è crollato a terra. Immediati i soccorsi dei passanti, che hanno allertato il 118 e hanno cercato di aiutare l'uomo. L'autoambulanza è arrivata in pochi minuti e i paramedici hanno lottato a lungo per rianimare l'albergatore, ma non c'è stato nulla da fare. La salma è stata ricomposta all'ospedale di Jesolo. Al dolore della moglie, delle due figlie e del figlio si è aggiunto quello dei colleghi: l'associazione albergatori di Jesolo ha espresso il suo profondo cordoglio per la scomparsa del titolare dell'hotel Bali e dell'impresa Ferracin Srl, ricordato come un grande innovatore e un determinato professionista benvoluto in tutta la zona.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Bollo auto, prorogata ancora la scadenza del pagamento in Veneto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

VeneziaToday è in caricamento