rotate-mobile
Cronaca Spinea / Via Michelangelo Buonarroti

Mehdi. Muore all'improvviso alunno di 8 anni. Il dolore e il sostegno della scuola

«Un dolore grandissimo», raccontano alla primaria Ippolito Nievo di via Buonarroti che il bambino scomparso martedì frequentava. La solidarietà delle famiglie e il supporto della psicologa del comprensivo per aiutare i compagni a superare il trauma

Pieno di vita, gentile e gioioso il piccolo Mehdi Jusufovski, di 8 anni. Alunno di terza dell'Istituto comprensivo Daniela Furlan di Spinea si è sentito male lo scorso fine settimana, all'improvviso. Il soccorso in emergenza a Mirano e il trasferimento in Rianimazione a Vicenza non sono bastati a impedire che la morte lo strappasse in due giorni alla sua famiglia, di orgini macedoni e a Spinea da tanti anni, e ai suoi affetti. Il piccolo è morto per un edema cerebrale. Su cosa abbia potuto portare a un quadro tanto grave e improvviso i medici stanno ancora lavorando.

Fino a venerdì il bambino era in classe con i compagni, ricordano la vicedirigente Monica Bellin e gli insegnanti. «Abbiamo saputo solo mercoledì che il giorno prima Mehdi era morto all'ospedale». Un malore improvviso, un bambino che non aveva mai manifestato alcun tipo di problema, spiegano dalla scuola. Domenica Mehdi è stato ricoverato a Vicenza dove per due giorni i medici hanno tentato l'impossibile per salvarlo. Martedì Mehdi si è spento. «Il nostro dolore è grandissimo - commenta Bellin - Un fulmine a ciel sereno». E ora la scuola si è mossa per dare un sostegno adeguato ai compagni del plesso, formato da sole sei classi, dove i piccoli di ogni età si conoscono e giocano assieme, così da permettere loro di affrontare adeguatamente il trauma della separazione dal loro amico con l'aiuto di una psicologa. 

Tra i genitori a Spinea c'è anche la volontà di stare vicino e aiutare, anche economicamente se necessario, la famiglia di Mehdi. Forse il corpo del piccolo non riposerà qui ma nella terra d'origine dei genitori e dei parenti. Si renderebbe così necessario sostenere il costo del rimpatrio della salma: per questo i genitori della scuola primaria Ippolito Nievo, che Mehdi frequentava, si sono detti disponibili a sostenere le necessità del nucleo colpito dal dramma della perdita del figlio.

I compagni di classe di Mehdi stanno intanto preparando per lui un grande fiore. In ciascuno dei petali si leggerà un pensiero, una frase, un ricordo in memoria del loro compagno e amico scomparso. Mehdi, alunno bravo e generoso, raccontano a scuola, era bravo e ben inserito. Quando qualche compagno rimaneva indietro nel dettato, lui chiedeva all'insegnante di potergli ripetere il testo, così che potesse mettersi alla pari con gli altri compagni senza rimanere indietro».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mehdi. Muore all'improvviso alunno di 8 anni. Il dolore e il sostegno della scuola

VeneziaToday è in caricamento